Sapienza, a lezione si danno i numeri

La lezione, come tutte quelle universitarie che si rispettino, è iniziata con i quindici minuti di ritardo accademico. In cattedra, anzi questa volta lungo le scale del rettorato, Leonardo Gualtieri…

La lezione, come tutte quelle universitarie che si rispettino, è iniziata con i quindici minuti di ritardo accademico. In cattedra, anzi questa volta lungo le scale del rettorato, Leonardo Gualtieri, uno dei ricercatori di Fisica che sta protestando contro i tagli all’Università. Il tema del giorno: la riforma Gelmini. Questa volta però portata “in campo” in modo un po’ diverso.
L’insegnamento all’aperto, organizzato dagli studenti di Fisica de La Sapienza contro i «tagli», è stato supportato da lavagna, tabelloni e striscioni esposti, pronti a ricordare che la battaglia che si sta combattendo è  «Per un’università pubblica, libera e aperta a tutti».
Ma questa volta gli slogan anti-riforma hanno lasciato il campo a numeri, formule e tabelle matematiche. Il rapporto tra il numero di studenti e il numero dei docenti è servito ad esempio a spiegare il nostro gap rispetto ai paesi europei (abbiamo troppi studenti rispetto ai docenti), mentre il confronto tra la spesa media italiana per studente (8.600 dollari) e quella europea (12000 dollari) ha parlato da sé. E anche sull’età dei docenti le percentuali sono state buone alleate dei ricercatori. Basti pensare che l’Italia è in vetta alla classifica europea con il 54% dei docenti con età superiore ai 50 anni.
Anna Di Russo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Diritto tra Italia e Germania

Next Article

Gelmini: “No alla conservazione, avanti con le riforme".

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale