Destinazione Australia: ecco come partire

Quanti di voi vorrebbero partire per l’Australia? Ogni anno sono migliaia gli studenti con la valigia pronta: direzione Sydney, Melbourne, Brisbane, Perth. Nel 2013, solo per fare un esempio, sono stati 16.000 gli italiani tra i 18-30 anni che hanno ottenuto un visto di vacanza o di lavoro. L’anno scorso, inoltre, il numero di studenti italiani in Australia è aumentato in modo significativo (raggiungendo più di 11.000 unità). Oltre a interessanti opportunità lavorative per i giovani, il paese dei canguri dispone di un’offerta formativa di altissimo livello, riconosciuta in ambito internazionale. Sul territorio nazionale sono sparsi enti volti a controllare il settore della formazione professionale e dell’istruzione. E gli studenti stranieri sembrano apprezzare. Nel 2012 il governo australiano ha condotto un sondaggio su tutto il territorio con risultati chiarissimi: quasi 9 studenti su 10, infatti, si dicono “molto soddisfatti” dell’esperienza di studio (e di vita) in Australia. 

Scopri la nostra guida Studiare e Lavorare in Australia

L’Australia vanta una lunga tradizione di successo nei settori della ricerca e sviluppo all’avanguardia. Sono oltre 50.000 le persone impiegate negli enti di istruzione universitaria e post-secondaria che si occupano di ricerca e sviluppo. E non solo. L’Australia offre interessanti opportunità lavorative temporanee, dalla ristorazione al lavoro nelle farm, passando per il settore dei servizi. Tutte aperte ai giovani stranieri.

Ma come partire? Come organizzare un viaggio a 15.000 chilometri da casa? È in questo senso che si inserisce Go Study Australia, un’agenzia educativa specializzata nell’assistenza gratuita a chi desidera studiare e/o lavorare in Australia. Grazie alla collaborazione con gli enti educativi australiani – scuole di lingua inglese, scuole professionali e università – tutti i servizi di assistenza Go Study sono gratuiti, sia in Italia che in Australia.
Attraverso gli uffici in Italia e in Australia, gli studenti potranno essere seguiti durante tutte le fasi dell’esperienza: dalla preparazione del viaggio al supporto sul territorio australiano, durante tutta la permanenza. Ma ancora: gli studenti potranno avere informazioni importanti sul sistema educativo e sul mercato del lavoro australiano, unite a consulenze specifiche su corsi di inglese, corsi professionali, università, master e stage. In ultimo, seminari informativi presso gli uffici di Milano e Roma.
Go Study Australia è presente da oltre 9 anni sul territorio australiano, e da 5 in Italia. Sono 13.000 gli studenti assistiti, con 9 uffici sparsi nel mondo, a disposizione dei ragazzi che sono intenzionati a partire.
Per avere maggiori informazioni vai su www.gostudy.it. Puoi accedere anche alla Community Facebook Go Study Australia – Italia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di oggi, giovedì 24 settembre

Next Article

Biblioteca Centrale del Cnr, bando per l'assunzione di diplomati

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.