Da Decathlon, al Servizio del cliente

Schermata 2013-01-25 a 10.49.16 

Nessuna offerta di lavoro per addetto alla vendite o responsabile di negozio. Con la laurea si entra direttamente negli uffici

Un Supply ed un Quality Production Leader. Sono le due ricerche attivate dalla catena di negozi di articoli sportivi Decathlon.

Si tratta di due ruoli che vedranno i candidati prescelti impegnati nell’interazione con i fornitori italiani e stranieri.

La prima mansione riguarda l’organizzazione della produzione e la gestione dello stock. Il profilo ideale è un neolaureato o laureato in ingegneria o materie economiche, con esperienza di 1 o 2 anni in ambito logistica/supply chain/industria.

Il secondo incarico si occuperà dell’industrializzazione dei prodotti. Il candidato ricercato si è laureato da poco in ingegneria oppure deve già vantare un’esperienza di 1 o 2 anni in ambito di controllo qualità nel settore industriale

Per entrambe le posizioni è indispensabile la conoscenza dell’inglese e/o del francese e una forte predisposizione alla mobilità. In ogni caso si lavorerà al Nord, gli inserimenti avverranno nelle sedi Oxyprod di Desio (Mb) o di Cadoneghe (Pd).

Le offerte sono disponibili da qui:

https://decathlon-careers.it/percorsi/settore-servizi/

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Teatro, musica e spettacoli. Settimana di eventi a Milano

Next Article

Terremoto, scosse d'assestamento nella notte in Garfagnana

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.