Corso sulle pari opportunità alla Federico II

Donne, politica e istituzioni. Percorsi formativi per la promozione della cultura di genere e delle pari opportunità” è il titolo dell’approfondimento culturale promosso dal Dipartimento di Scienze Relazionali G. Iacono dell’Università Federico II e della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità – e in collaborazione con la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.
Il corso, giunto alla sua seconda edizione, è destinato a tutte le donne e gli uomini che siano in possesso di un diploma di scuola media superiore e si propone di fornire agli ottanta partecipanti gli strumenti metodologici adeguati per lo sviluppo di un’autonoma capacità di analisi e di intervento.
Inizierà il 23 aprile 2009 e prevederà, per il conseguimento dell’attestato di partecipazione, il superamento di momenti di valutazione e la stesura di un elaborato scritto.
Per gli studenti iscritti all’ateneo federiciano che parteciperanno all’iniziativa vi sarà la possibilità di riconoscimento di crediti formativi, mentre per il personale tecnico amministrativo verrà rilasciato l’attestato di partecipazione e il riconoscimento del titolo di formazione professionale.
Alla domanda bisogna allegare un curriculum vitae, una dichiarazione sul titolo di studio prescritto e la relativa votazione; per gli studenti universitari, una dichiarazione attestante il numero di esami sostenuti o di crediti formativi acquisiti.
Per maggiori informazioni, collegarsi sul sito internet www.scienze-relazionali.unina.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre per la lotta all’Aids

Next Article

Il campus corre sui binari dell’innovazione

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".