Coronavirus e rito dei cento giorni alla maturità, gli studenti sfidano i divieti

Niente festa dei 100 giorni all’esame e nessun assembramento di ragazzi. Ma qualcuno non ha resistito alla tentazione del rito scaramantico in spiaggia

Viareggio sulla spiaggia antistante piazza Mazzini in modo spontaneo si sono ritrovati diversi giovani studenti per il rito dei 100 giorni all’esame. L’iniziativa, vista l’emergenza per il coronavirus si è svolta senza alcuna organizzazione del Comune come aveva già anticipato ieri il sindaco Giorgio Del Ghingaro richiamando al senso di responsabilità di studenti e genitori.

Sul posto presente una una pattuglia della polizia municipale. Tra i ragazzi presenti non solo giovani di Viareggio ma anche arrivati da altre città toscane: Firenze, Prato, Pistoia e Pisa. Consapevoli dell’emergenza non hanno però rinunciato a questo rito scaramantico nonostante la giornata brutta anche dal punto di vista atmosferico. 

lanazione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Google Classroom, l’app che mette in contatto studenti e insegnanti

Next Article

Scuola, ripartiti 510 milioni per l’edilizia scolastica. Stanziate le risorse alle Regioni nell’ambito della programmazione unica nazionale

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.