Coronavirus, a Oxford postivo uno studente: università in allarme

Uno studente dell’Università di Oxford si è rivelato positivo al coronavirus dopo essere tornato a casa da un paese non specificato: la notizia è riportata dal sito web dell’Università. Secondo quanto riferito, lo studente interessato non ha partecipato ad alcun evento universitario  prima di auto-isolarsi e il servizio sanitario britannico ha dichiarato all’Università che il rischio per altri studenti e personale è molto basso. Lo riporta l’edizione online del Telegraph.

Nel frattempo, oltre 16 milioni di persone sono state poste in quarantena forzata nel nord Italia all’inizio della domenica mentre il governo ha approvato misure drastiche nel tentativo di fermare la diffusione del micidiale coronavirus che sta spazzando il globo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Così il coronavirus ha messo il turbo alla scienza

Next Article

Coronavirus, Serafini (SNALS): esperienza che farà comprendere a studenti importanza lezioni in presenza

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.