Controllo interno e sicurezza nella Gdo

Schermata 2013-03-22 a 11.13.19

Esselunga offre due tirocini per neolaureati in economia e ingegneria in provincia di Milano

Se si pensa alla grande distribuzione organizzata nell’Italia settentrionale la mente non può che andare alla catena Esselunga e ai suoi oltre 100 punti vendita sparsi nelle regioni del nord.

Sono due le opportunità di stage attivate presso la sede di Limito di Pioltello (MI) ed entrambe con deadline di candidatura fissata al 5 aprile.

La prima, Stage Area Sicurezza sul Lavoro, è destinata a persone in possesso di laurea magistrale in ingegneria della prevenzione e della sicurezza e a titolo preferenziale con partecipazione a corsi in ambito sicurezza sul lavoro e un’eventuale esperienza pregressa maturata presso il servizio di prevenzione e protezione di aziende strutturate.

La seconda, Stage Controllo Interno, si rivolge a candidati con una laurea specialistica in economia aziendale, economia e commercio o titolo equivalente (anche laureandi, purché con esami completati), con focalizzazione in area Amministrazione, Finanza e Controllo e interesse per tematiche di Internal Auditing.

Per avere tutte le ulteriori informazioni sui ruoli e sulle altre qualità da possedere per superare le selezioni consultate direttamente gli annunci cliccado qui:

www.esselungajob.it/content/lavoraconnoi/homepage/offerte/sede.html

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano, mense non sicure per bambini allergici. Somministrati pasti sbagliati e i genitori protestano

Next Article

Papa Francesco ai giovani in piazza San Pietro: “Non siate tristi, ma abbiate fiducia”

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.