Consulenti e venditori per Acquatek

Acquatek si occupa di trovare delle soluzioni per migliorare la qualità dell’acqua usata, sia per scopi alimentari che per scopi industriali. L’azienda ricerca consulenti, venditori e consulenti manager da inserire nell’Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. Per quanto riguarda le prime due figure, il ruolo prevede l’attività di vendita presso i clienti e i prospect costituiti da privati, ai quali proporre i prodotti e i servizi Acquatek e offrire soluzioni progettate su misura.
Il candidato ideale è un diplomato o laureato, che ha maturato esperienze nella vendita di servizi/prodotti a valore aggiunto. Ha un’età minima di 25 anni e buone capacità di comunicazione e di relazioni interpersonali, metodicità e doti organizzative, determinazione per il conseguimento di risultati e flessibilità operativa. Passione per l’attività di vendita e motivazione al conseguimento di obiettivi professionali costituiscono requisiti indispensabili per ricoprire, con successo, il ruolo.
Per il ruolo di consulente manager il Gruppo Acquatek richiede diploma di scuola media superiore o laurea, abilità nell’uso del pc, molta propensione all’ascolto delle esigenze dei clienti, professionalità, ambizione e tanta determinazione. Inoltre si richiede auto propria e disponibilità agli spostamenti. L’azienda offre: contratto di categoria, guadagni commisurati ai risultati conseguiti, incentivi al raggiungimento degli obiettivi, appuntamenti prefissati, corsi di formazione sui prodotti dell’azienda e personali.
La sede di lavoro sarà nella provincia di residenza. Le selezioni avranno luogo a Pavia, Parma e Bologna; verranno considerate candidature con curriculum inoltrate al seguente indirizzo email: [email protected] oppure via fax allo 0521/1814506.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Punto G, questo conosciuto

Next Article

Personale con la passione dei motori

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.