Concorso straordinario Docenti 2020 2021: sospensione e programma d’esame aggiornato

Bando di Concorso straordinario docenti 2020 2021: ecco tutte le informazioni su requisiti, quando si svolgeranno le prove d’esame, cosa studiare e il programma aggiornato per la prova scritta

Bando di Concorso straordinario docenti 2020 2021: ecco tutte le informazioni su requisiti, quando si svolgeranno le prove d’esame, cosa studiare e il programma aggiornato per la prova scritta

Ecco il bando e tutte le novità sul concorso straordinario docenti per l’immissione in ruolo nella scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno. La selezione è finalizzata a reclutare 32.000 insegnanti di scuola media e superiore che vanno ad aggiungersi a quelli previsti dai nuovi concorsi scuola. 

Quali sono le ultime novità? Il concorso straordinario è sospeso fino al 15 gennaio per l’emergenza epidemiologica da covid-19, quindi proseguirà nel 2021. Le prove scritte già espletate saranno corrette da remoto, mentre quelle ancora da sostenere saranno espletate nella prima finestra utile al termine della sospensione. 

Vediamo nel dettaglio tutto quello che serve sapere sul concorso straordinario docenti 2020-2021, informazioni su requisiti, prove d’esame, come presentare domanda, il bando ufficiale da scaricare e le ultime novità.

SOSPENSIONE DEL CONCORSO

Per effetto del nuovo DPCM 3 del 3 dicembre emanato dal Governo per introdurre ulteriori misure urgenti in risposta alla c.d. seconda ondata dell’epidemia da coronavirus, è rinnovata la sospensione delle prove del concorso straordinario, già sospese dal DPCM del 3 novembre. Dato che oltre il 70% dei candidati ha già sostenuto la prova scritta, le prove espletate saranno corrette in modalità remota. Gli altri candidati, invece, potranno sostenere l’esame scritto una volta terminato il periodo di sospensione.

NOVITA’ PROVE D’ESAME

Il concorso si svolgerà secondo l’apposito calendario delle prove d’esame pubblicato dal MIUR, previa rettifica per la nuova calendarizzazione delle prove che sarà elaborata dal MIUR a causa della sospensione del concorso. Vi ricordiamo che il Ministero ha pubblicato un errata corrige che rettifica l’Allegato C del bando, contenente i programmi d’esame e, dunque, cosa studiare per la prova scritta del concorso Docenti straordinario 2020.

MODIFICA PROVA SCRITTA

Considerando l’emergenza epidemiologica da covid-19 e le nuove modalità per i concorsi pubblici adottate per contrastare la diffusione del coronavirus, la prova scritta potrà svolgersi anche in una regione diversa da quella corrispondente al posto per il quale il candidato ha presentato la propria domanda. 

In ottemperanza di quanto stabilito dal decreto scuola, convertito in legge con modifiche dalla legge 6 giugno 2020, n. 41, è inoltre modificato il test computer based. La prova scritta non sarà più articolata in questi a risposta multipla ma in quesiti a risposta aperta. Le domande verteranno sul programma di esame previsto dal bando, con distinzione per classe di concorso e tipologia di posto. 

Per i posti comuni i quesiti riguarderanno:
– valutazione delle conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche;
– capacità di comprensione del testo in lingua inglese.

Per i posti di sostegno i quesiti riguarderanno:– metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità;
– valutazione delle conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità;
– comprensione del testo in lingua inglese.

La prova scritta per le classi di concorso di lingua inglese verrà svolta in inglese e sarà composta da quesiti a risposta aperta finalizzati alla valutazione delle conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche. Le domande delle classi di concorso relative alle altre lingue straniere si svolgeranno nelle rispettive lingue, eccetto che per la verifica della comprensione di un testo in inglese.

Per partecipare al concorso straordinario docenti occorre possedere i seguenti requisiti:

  • aver svolto, tra l’anno scolastico 2008/2009 e l’anno scolastico 2019/2020, su posto comune o di sostegno, almeno 3 anni di servizio, anche non consecutivi;
  • aver svolto almeno un anno di servizio, tra gli anni scolastici 2008/2009 e 2019/2020, nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre;
  • per il posto comune, titolo di studio previsto dall’articolo 5, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, coerente con la classe di concorso richiesta fermo restando quanto previsto dall’articolo 22, comma 2, del predetto decreto con riferimento alle classi di concorso a posti di insegnante tecnico-pratico;
  • per il posto di sostegno, titolo di accesso alla procedura e specializzazione per il relativo grado. 

La partecipazione è aperta anche i docenti di ruolo. Il servizio svolto su posto di sostegno in assenza di specializzazione è considerato valido ai fini della partecipazione al bando di concorso straordinario.

I candidati devono inoltre possedere i requisiti generali per l’accesso all’impiego nelle pubbliche amministrazioni.

TITOLI VALUTABILI

Mettiamo a vostra disposizione l’ALLEGATO D (Pdf 329Kb) del bando, contenente la tabella dei titoli valutabili nella procedura straordinaria per titoli ed esami per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado, su posto comune e di sostegno, e ripartizione dei relativi punteggi.

AMMISSIONI CON RISERVA

Sono ammessi con riserva alla procedura concorsuale coloro che:

  • raggiungono le tre annualità di servizio previste unicamente in virtù del servizio svolto nell’anno scolastico 2019/2020;
  • sono iscritti ai percorsi di specializzazione all’insegnamento di sostegno avviati entro il 29 dicembre 2019. La riserva si scioglierà positivamente se il titolo sarà conseguito entro il 15 luglio 2020.
  • hanno conseguito all’estero la specializzazione per l’insegnamento su posto di sostegno o il titolo di accesso alla classe di concorso e hanno presentato o presenteranno la domanda di riconoscimento entro la scadenza del bando straordinario.

PROVE D’ESAME

La procedura concorsuale prevede l’espletamento di una prova scritta computer based e la successiva valutazione dei titoli. Sono previste prove diverse per i posti comuni e i posti di sostegno, così articolate:

  1. prova scritta per i posti comuni – 6 domande a risposta aperta, di cui
    – 5 quesiti per accertare le conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche relative alle discipline oggetto di insegnamento;
    – 1 quesito composto da un testo in lingua inglese seguito da 5 domande di comprensione a risposta aperta, per verificare la capacità di comprensione del testo almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue (QCER);
  2. prova scritta per i posti di sostegno – 6 domande a risposta aperta, di cui
    – 5 quesiti per accertare le metodologie didattiche da applicare alle diverse tipologie di disabilità e valutare le conoscenze di contenuti e procedure per l’inclusione scolastica degli alunni disabili;
    – 1 quesito composto da un testo in lingua inglese seguito da 5 domande di comprensione a risposta aperta, per verificarne la comprensione a livello corrispondente a quello B2 del QCER.

La prova scritta per le classi di concorso di lingua inglese è composta da 6 quesiti a risposta aperta in lingua inglese. Per le classi di concorso di lingua straniera la prova scritta si svolge interamente nella lingua stessa, ad eccezione delle domande di verifica per la conoscenza dell’Inglese.

L’avviso ufficiale relativo al calendario delle prove scritte sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4a serie speciale – concorsi ed esami dopo la pubblicazione del bando di concorso.

titoli valutabili sono indicati nella tabella presente nell’Allegato D del bando e devono essere conseguiti entro la data di scadenza per la presentazione della domanda. Per il possesso dei titoli può essere attribuito un punteggio massimo complessivo di 20 punti.

COSA STUDIARE PER PREPARARSI

La prova scritta per i posti comuni ha lo scopo di valutare le competenze disciplinari relative alla classe di concorso/tipologia di posto richiesta, le competenze didattico/metodologiche e la capacità di lettura e comprensione di un testo di lingua inglese.

Le prove per i posti di sostegno, suddivise per il primo e secondo grado, sono volte a verificare le conoscenze in ambito normativo, psicopedagogico e didattico, e relative alle disabilità e ai bisogni educativi speciali in una logica bio-psico-sociale, oltre alla capacità di lettura e comprensione di un testo di lingua inglese.

Mettiamo a vostra disposizione l’ALLEGATO C RETTIFICATO (Pdf 1,67Mb) del bando, contenente il programma completo per la prova scritta, con l’indicazione di tutte le materie divise per classi di concorso.

La domanda di partecipazione è scaduta e andava presentata in via telematica, attraverso la nuova piattaforma web MIUR Concorsi e Procedure Selettive. La data di scadenza per presentare le domande era fissata al 10 agosto 2020.

I candidati dovevano accedere al sistema con una identità SPID o con un’utenza valida per l’accesso all’area riservata del Ministero dell’Istruzione e abilitata a Istanze OnLine, previa registrazione e abilitazione al servizio web Istanze Online MIUR attraverso questa pagina.

La domanda di partecipazione andava presentata, a pena di esclusione, in un’unica regione sia per il sostegno del primo e del secondo grado sia per una classe di concorso, ferma restando la possibilità di concorrere per più procedure mediante la presentazione di un’unica istanza, con l’indicazione delle procedure concorsuali cui si intende partecipare. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università: 3 Mila assunzioni per Ricercatori

Next Article

Siena International Photo Awards 2021, concorso fotografico con premio 1500Euro

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident