Concorso fotografico per studenti per sentirsi ancora in classe

IVREA. Mentre le scuole di tutta Italia si attrezzano per la didattica on line, il morale dei ragazzi (ma anche degli insegnati e delle famiglie) va tenuto alto. Perché la scuola non è solo un’istituzione ma per molti studenti è una seconda famiglia, è il luogo degli amici, il posto dove fare gruppo. Senza ritrovarsi tutte le mattina alle 8 al suono della campanella, senza vedersi se non in chat, c’è qualcosa che può fare sentire ancora classe?

La risposta è sì, ed è un concorso fotografico destinato a tutte le scuole d’Italia: “One Action for a Green Planet”. L’Idea arriva da una scuola di Torino, la WINS. Il tema del concorso fotografico è “One Action for a Green Planet” e l’obiettivo è aiutare tutti a non arrendersi, né al Coronavirus né tantomeno all’idea che nessuno, nel proprio piccolo, possa fare la differenza per il pianeta.

Non è un caso che il giorno scelto per lanciare il concorso sia stato proprio il 6 marzo, il giorno di “M’llumino di meno”, la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili. Il concorso, fino al 6 maggio, è organizzato da WINS in collaborazione con Nital e Peraga Garden Center, è assolutamente gratuito e le categorie per iscriversi sono due: classi della scuola primaria/secondaria e ragazzi dai 14 ai 20 anni.

I ragazzi e i bambini, guidati dai loro insegnanti, sono invitati a scattare delle foto che possano raccontare le azioni green per il pianeta. Attraverso la forma d’arte della fotografia i ragazzi sono invitati a mostrare come l’azione quotidiana di ognuno di noi possa, seppur nel proprio piccolo, ridurre e mitigare il più possibile i livelli di CO2 nell’atmosfera, contribuendo ad ottenere un grande risultato comune.

Il tema – One Action for a Green Planet – è ampio e lascia spazio alla fantasia, alla creatività e alla bravura dei fotografi; valgono tutte le buone pratiche ambientali, incluse le piccole azioni quotidiane finalizzate a contrastare la scomparsa del verde a partire dai contesti urbani (es. orti casalinghi, forestazione urbana, aiuole verticali, etc.). Uno degli obiettivi del concorso è aiutare gli insegnati, a caccia di idee per i loro alunni, a superare con il sorriso questi giorni di fermo scolastico. Ciascun alunno può scattare la propria fotografia e poi inviarla all’insegnante, che si occuperà di caricarle sul sito www.worldinternationalschool.com

Un altro grande obiettivo del concorso è tenere alta l’attenzione della “generazione Greta”, educare e sensibilizzare bambini e adolescenti su un tema fortemente attuale e di grande rilievo.

Per la categoria scuola primaria/secondaria l’iscrizione sul sito www.worldinternationalschool.com deve essere effettuata dagli insegnanti che poi raccoglieranno le foto dei loro studenti e le caricheranno sul sito (fino ad un massimo di 1 per ogni alunno della classe).

I ragazzi, che devono possedere un profilo Instagram pubblico, possono iscriversi personalmente e poi postare su Instagram la propria foto attraverso l’utilizzo dell’hashtag #oneactionwins e del tag @wins_torino e dovrà essere follower di @wins_torino. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Webcam, pc e corona d’alloro: laurea via Web per 154 studenti

Next Article

Ricerca scientifica, impatto del GDPR sui progetti finanziati

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.