Classifica atenei, il Miur non arretra, conferma e rilancia

updown.jpgLa querelle sulla recente classifica ministeriale degli atenei statali non si placa. Il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, «in merito a quanto affermato dal presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo e da alcuni esponenti del mondo accademico», in una nota afferma che «non è assolutamente vero che si sia voluta penalizzare alcuna università del Sud perché, come si può vedere dalla classifica, molti atenei del Centro-Sud sono stati promossi, Roma “Tor Vergata”, l’Università di Chieti-Pescara, l’Università della Calabria, l’Università Politecnica delle Marche, l’Ateneo della Tuscia, il Politecnico di Bari, l’Università del Sannio di Benevento, così come alcune università del Centro-Nord sono state ritenute non virtuose: Brescia, Parma, Iuav – Venezia, Macerata, Perugia, Camerino».
«I criteri adottati rispondono – prosegue il Ministero – a valutazioni attualissime e sono stati elaborati tenendo conto dei parametri adottati da tutte le classifiche internazionali. È la prima volta che questo viene fatto in Italia, per cui i criteri sono sempre perfettibili e il nostro impegno sarà renderli ancora più oggettivi. Per esempio l’anno prossimo la valutazione sarà effettuata facoltà per facoltà, dipartimento per dipartimento, perché è possibile che vi siano nella stessa università realtà virtuose e non virtuose, per cui è giusto distinguere.
«Sia chiaro a tutti però che è finita l’epoca in cui, poiché i criteri di valutazione sono da perfezionare, non si deve mai iniziare. Non ha più senso operare in difesa di corporativismi o di localismi. Nell’epoca della globalizzazione ciò è privo di ogni significato. Ci sono eccellenze nel Sud, università non virtuose nel Nord. In particolare, alcune università del sud hanno avuto una bassa valutazione soprattutto per la bassa qualità della ricerca, nonostante diverse regioni del Mezzogiorno ricevano miliardi di euro dai fondi strutturali finalizzati alla ricerca. Evidentemente – conclude il ministero – in alcuni casi questi finanziamenti non sono spesi bene. Bisogna avere il coraggio di guardare al futuro e di adottare nuove logiche per essere competitivi a livello internazionale».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani calabresi, 19 milioni dalla Regione

Next Article

Lombardo sbuffa:"Atenei del Sud penalizzati"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".