Città intelligente regina del G7 Ambiente di Bologna

Protagonista dell’incontro internazionale sul clima è stata la smart city, protagonista l’8 giugno all’incontro “Le città metropolitane per lo sviluppo sostenibile”. A margine, poi, è stato sottoscritto un protocollo – la Carta di Bologna per l’Ambiente – che riconosce alle città un ruolo cardine nella tutela ambientale attraverso l’impegno concreto nei settori chiave della riduzione rifiuti e riciclo, protezione suolo, transizione energetica, qualità dell’aria e riduzione delle polveri sottili, tutela acque e verde urbano, mobilità sostenibile. 
I primi modelli di smart city sono nati in parallelo con la diffusione della Information Communications Technology (Ict) quasi due decenni fa. Ma solo da una decina d’anni si è assistito al proliferare di progetti concreti, grazie anche alle innovazioni tecnologiche e alla digitalizzazione crescente nei vari ambiti della quotidianità. Ormai pc, tablet, bancomat, smartphone sono usati dalla maggioranza della popolazione, e ciò, permette la comunicazione via software con algoritmi di analisi e gestione automatizzata. Quest’ultimi in aumento grazie anche all’adozione di protocolli che possono fornire informazioni alla cittadinanza e dati alle amministrazioni. 
I dati dell’Osservatorio Internet of Things del PoliMilano 2016/2017 sono in aumento. Lo scorso anno gli investimenti in applicazioni di smart city sono cresciuti del 17% sull’anno precedente, raggiungendo una quota di 230 milioni di euro. Il 51% dei comuni italiani ha avviato almeno un progetto negli ultimi tre anni. Ma più della metà di questi non ha ancora una chiara strategia di sviluppo del territorio. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Liceo assaltato, dieci studenti rischiano bocciatura

Next Article

Sarà il 2029 l'anno in cui le macchine eguaglieranno l'uomo?

Related Posts
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".