Cinque posti nell'ospedale di Milano

L’ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano, che ha settanta strutture di ricovero, con duecento ambulatori che impiegano più di 4.100 operatori, ha indetto un concorso per la copertura di cinque posti per un terapista occupazionale, un tecnico della riabilitazione psichiatrica e tre assistenti sociali.
Sono richiesti titoli ad hoc e iscrizione al rispettivo albo professionale. Il testo integrale del bando è stato pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Lombardia n. 23 del 10 giugno 2009.
Il concorso è anche sul sito web aziendale, all’indirizzo www.ospedaleniguarda.it, area professionisti, concorsi. Le domande vanno inviate entro il 27 luglio.
Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla S.C. Risorse umane e relazioni sindacali dell’azienda ospedaliera di Milano, piazza Ospedale Maggiore 3, numero di telefono 026444-1.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Agenti nel settore odontoiatrico in tutta Italia

Next Article

Giovani alcolizzati, nuova vittima a Londra

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.