Cina, figli di miliardari a scuola di business a 7 anni

Schermata 2013-04-05 a 10.32.59

Figli dei miliardari cinesi a scuola di business per imparare il valore del denaro e come gestirlo. Sorta a Chengdu, nella Cina sud occidentale, la scuola sembra stia avendo parecchio successo tanto che sono gia’ molti i ricconi cinesi che stanno iscrivendo i propri figli, forse pensando di prepararli al lavoro futuro.

Secondo quanto riferisce la stampa locale, sono gia’ una quarantina i piccoli a frequentare i corsi della scuola. Il piu’ piccolo allievo ha solo sette anni e il piu’ ‘anziano’ ne ha undici. Gli studenti sono inseriti in classi diverse a seconda dell’eta’ e della preparazione di base con cui arrivano. Gli insegnanti, 4 per il momento, parlano, oltre che il cinese, anche perfettamente l’inglese.

Tra questi Suya, una donna di trent’anni, che dopo aver insegnato per diverso tempo inglese in una scuola pubblica, e’ stata assunta nella scuola di business dove, ha lei stessa dichiarato, guadagna tre volte di piu’. Per un corso di un anno di tre lezioni a settimana i genitori spendono per la scuola di business 30.000 yuan (circa 3.300 euro).

Ma possono anche essere previsti corsi piu’ intensivi o persino lezioni private a costi piu’ elevati. Intanto i pareri sull’utilita’ della scuola sono i piu’ disparati. Mentre alcuni genitori, intervistati da un giornale locale, il Chengdu Business Daily, hanno osservato come la retta della scuola sia troppo cara e come si tratti di corsi alla fine non indispensabili, specie per bambini cosi’ piccoli, altri ritengono che sia utile per i ragazzi capire sin da piccoli il valore del denaro e come gestirlo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Martin Luter King, 45 anni dopo spunta l'assassino

Next Article

Twitter e facebook: il datore di lavoro può chiederti la password

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".