Catanese a Londra inventa un’App, 300mila persone già la usano

Antonio Virzì, trentottenne catanese ingegnere informatico, è l’autore dell’applicazione per Apple “NearMe”, oggi scaricata gratuitamente da più di 300mila persone.

Quello offerto è un servizio di geolocalizzazione che permette all’utente di scoprire i luoghi a lui più vicini e di condividerli grazie all’integrazione dell’applicazione con i principali social network. Attualmente riunisce 15mila attività commerciali tra alberghi, ristoranti, negozi, musei i quali hanno la possibilità di interagire con offerte commerciali per attrarre nuovi clienti.

La piattaforma, inoltre, consente agli utenti-viaggiatori di condividere foto, video, recensioni. NearMe si rivela quindi un utile strumento per decidere al volo dove trascorrere una serata o per non trovarsi spaesati in un luogo ignoto.

Tra le funzioni dell’app quella di utilizzare una delle ricerche preimpostate per ottenere risultati veloci quando si è in movimento o di modificare la propria posizione per effettuare ricerche in tutto il mondo oltre che quella di ottenere le indicazioni stradali su Maps di Google o Navigation e Tom Tom.

L’ingegnere, specializzato in robotica, vive a Londra, deluso come tanti colleghi dall’impossibilità di creare quanto realizzato nel suo territorio per mancanza di cultura d’impresa e quindi dei necessari finanziamenti. «Ben vengano i recenti movimenti di startupper e il conseguente fermento, daranno certamente importanti risultati imprenditoriali», ha affermato Virzì  interpellato sui nuovi movimenti d’impresa giovanile nati a Catania.

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iscrizioni a scuola, Disal: "Si mantenga la forma mista"

Next Article

Emarginazione e bullismo, l'estremo gesto di Carolina

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.