Calabria, tabula rasa per le matricole

mind_control.gifDa settembre in Calabria le matricole devono prima di tutto dimenticare quello che sanno. O meglio, omogeneizzare le loro competenze scientifiche e linguistiche. La Regione infatti promuove un denso programma di “potenziamento-azzeramento”, che, come ha spiegato il vicepresidente della Giunta regionale della Calabria Domenico Cersosimo, anche docente all’Università della Calabria di Arcavacata, è “un programma originale e importante, unico al mondo. Tutti i neo-iscritti frequenteranno, prima dell’inizio formale dei corsi universitari, e in alcuni casi anche durante le prime settimane di lezione, corsi specifici di 180 ore di matematica, fisica, chimica, comprensione del testo ecc. in modo da attuare e sperabilmente colmare i deficit di conoscenze e di competenze accumulati lungo la filiera formativa”.
«Le indagini internazionali e nazionali – ha aggiunto Cersosimo – hanno accertato con sistematicità un gap di conoscenza dei nostri studenti nei confronti dei loro coetanei europei e del Nord d’Italia. D’altro canto, le evidenze empiriche mostrano tassi di abbandoni particolarmente elevati degli studenti iscritti al primo anno di università, nonché modeste performance delle matricole in termini di crediti formativi conseguiti e di voto».
“Proprio per attenuare la dispersione scolastica e per migliorare dette performances – ha proseguito il vicepresidente-docente – la Regione, d’intesa con le Università regionali, ha ideato e promosso il ‘Programma azzeramentò attraverso l’erogazione di 1.600 euro per ogni studente che partecipa al processo formativo e 400 euro sotto forma di borsa di studio per ogni allievo. Un impegno finanziario considerevole ma necessario per incoraggiare l’apprendimento e l’ampliamento delle conoscenze dei giovani universitari calabresi. La qualità del capitale umano – ha concluso – è la leva strategica per il nostro futuro. Investire sui giovani è la migliore assicurazione per un futuro di qualità per tutti”.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Direttori in Esselunga

Next Article

Uno stagista alla Ipsos

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".