Calabria, quattro mucche a passeggio tra i viali dell’università

Singolare episodio all’Università della Calabria dove ieri sono stati avvistati quattro bovini che erano scappati da un allevamento vicino all’ateneo e avevano deciso di pascolare in mezzo a studenti e docenti. Le immagini hanno fatto il giro del web.

Non è mai troppo tardi per fare l’università: chissà se avevano questo in mente le quattro mucche che ieri mattina sono scappate da un allevamento poco distante dall’Università della Calabria a Rende, in provincia di Cosenza, e si sono presentate davanti ai cancelli dell’ateneo riuscendo a percorrere un tratto del ponte che collega le diverse facoltà universitarie.

Le quattro mucche sono scese in tutta tranquillità dalla collinetta che circonda le biblioteche, arrivando al centro del Ponte Pietro Bucci, fermandosi in mezzo allo stupore di studenti e docenti che, armati di cellulare, hanno ripreso la passeggiate delle quattro nuove colleghe che poi (come era lecito aspettarsi) hanno fatto il giro del web diventando subito virali.

Le mucche, subito dopo, sono state allontanate dal ponte carrabile: le operazioni sono state coordinate dal personale di sicurezza dell’Università della Calabria. Dopo essere state spostate in un luogo sicuro è stato rintracciato il proprietario che ha provveduto a riportare le mucche all’interno dell’allevamento.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, il restyling dei gabbiotti della polizia locale diventa urban art affidata ai giovani

Next Article

Terremoto Marche, università e scuole chiuse nelle province di Pesaro e Ancona

Related Posts
Leggi di più

Bufera sulla frase di Valditara: “Umiliazione serve per far crescere gli studenti”. Poi il dietrofront: “Volevo dire umiltà”

Durante un intervento a Milano il ministro dell'Istruzione fa una considerazione sui lavori socialmente utili per gli studenti violenti: "Soltanto lavorando per la collettività, umiliandosi anche, di fronte ai suoi compagni, lui si prende la responsabilità dei propri atti". Dopo la pioggia di critiche la marcia indietro: "Vittima di un lapsus".