Webcam nel bagno delle ragazze: caccia al “guardone” dell’Università di Genova

La microcamera era nascosta nella toilette utilizzata dalle studentesse della facoltà di Ingegneria della sede distaccata di Savona. Era attaccata con del veltro sotto un lavandino.

Una webcam attaccata ad un lavandino del bagno delle donne dell’aula magna: è la sconcertante scoperta fatta da uno studente della facoltà di Ingegneria della sede di Savona dell’Università di Genova che ieri ha postato sui social la foto di un dispositivo elettronico che avrebbe ritrovato nella toilette per ragazze. Si tratta di una microcamera collegata ad una presa Usb che era attaccata con del veltro e che, per non essere scoperta, era stata anche dipinta di bianco per non dare nell’occhio.

L’ateneo: “Qui nemmeno un furto”

“Abbiamo avvisato immediatamente la polizia, siamo portati a pensare che non si tratti di una bravata, il ragazzo che ha denunciato l’accaduto è tutt’altro che un mitomane – ha spiegato il prorettore Marco Testa al Corriere della SeraL’ateneo ha un sistema di telecamere di videosorveglianza alcune indicazioni potrebbero arrivare dalle registrazioni, attendiamo fiduciosi che si concludano gli accertamenti. Siamo sbalorditi da quando ho memoria nel campus non è mai accaduto nulla del genere ma non si è verificato mai alcun evento criminoso, neanche un piccolo furto”.

Qualcuno ha fatto sparire la microcamera

L’ipotesi più accreditata al momento è quella che qualcuno si sia introdotto all’interno del bagno e abbia installato la microcamera per carpire immagini delle ragazze all’interno della stanza. A rendere più complicata la vicenda è che pochi minuti dopo che il ragazzo aveva scoperto la webcam quest’ultima sia scomparsa. Lo studente, infatti, dopo aver staccato l’apparecchio tecnologico si era allontanato per attirare l’attenzione del personale di facoltà ma una volta rientrato nella toilette non ha più ritrovato la webcam. Dettaglio che fa pensare che l’apparecchio fosse controllato da remoto da qualcuno e che, vedendosi scoperto, si è precipitato in bagno per far sparire l’oggetto.

LEGGI ANCHE:

Total
9
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Disegna una svastica sulla cattedra e colpisce con un pugno in faccia una prof: studente nei guai

Next Article

Roma, il restyling dei gabbiotti della polizia locale diventa urban art affidata ai giovani

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".