Bologna ricorda Lucio

A distanza di diversi mesi dalla scomparsa, i familiari hanno annunciato le iniziative che lo ricorderanno: una compilation, l’apertura al pubblico della sua residenza, ed un grande concerto, tributo ad artista ancora vivo nel cuore dei suoi concittadini.

Lo scorso marzo, è scomparso l’artista bolognese Lucio Dalla. Dopo il decesso, a distanza di mesi i familiari hanno annunciato le iniziative che lo ricorderanno. Il 27 novembre uscirà la prima maxi raccolta dei suoi successi intitolata «Là dove il mare luccica» che sarà disponibile in due versioni: triplo cd nella versione base e quadruplo in quella deluxe.

Al suo interno, oltre ai pezzi celebri, anche alcune rarità e provini. Oltre a questa raccolta, è stata aperta al pubblico dal 30 novembre al 2 dicembre, la casa dell’artista ubicata in via D’Azeglio, nei pressi di piazza Maggiore, per finanziare un altro progetto a favore del comune di Finale Emilia, gravemente colpito dal terremoto nel maggio precedente.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’apertura della residenza, la cugina del cantante, Dea Melotti, ha annunciato anche altri tre progetti: «Lucio adorava il natale e i presepi, per questo abbiamo organizzato un itinerario dei suoi luoghi con i suoi presepi: non oggetti monumentali, presepi affettuosi, anche belli ma familiari».

E’ altresì previsto un evento speciale in occasione di Artefiera a gennaio che sarà sempre legato ai luoghi bolognesi di Dalla e dulcis in fundo, sono in fase di organizzazione, gli appuntamenti per l’anniversario della scomparsa: iniziative musicali che si svolgeranno in piazza Maggiore. Un grande concerto tributo che si dovrebbe svolgere dall’1 al 4 marzo del 2013.

Giovanna Padalino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Posizioni aperte da Euronics

Next Article

Fumino il pappagallo patriota

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".