Bocconi, siti dei comuni troppo autoreferenziali

bo

“I siti web dei comuni italiani soffrono della stessa autoreferenzialità della politica. Sono, cioè, costruiti partendo dalle esigenze della burocrazia e degli amministratori e, se valutati dal punto di vista dei cittadini, si beccano una valutazione inferiore al 4 e nove comuni su 10 non raggiungono la sufficienza”.
E’ il risultato di una ricerca coordinata da Elena Bellio e Luca Buccoliero del Centro di ricerca su marketing e servizi (Cermes) della Bocconi.
La scoperta: pochissime amministrazioni comunali si servono dei social-network.

Per analizzare la capacità comunicativa e la semplicità di uso dei siti, gli studiosi hanno tenuto in considerazione 4 fattori: la tipologia di informazioni contenute nei siti, gli strumenti e le strategie web adottate, la capacità di feedback e la presenza di sondaggi, nonché l’intero processo decisionale.

La più grave pecca dei siti dei comuni è quella di non essere presenti sui social network. Ad usare almeno un social tra Facebook, Twitter e YouTube, è solo il 29,81% delle amministrazioni.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricercatori: olfatto indispensabile per il sesso

Next Article

Scoperta la proteina che blocca l'obesità

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".