Banca Intesa assume 450 diplomati e laureati

Gli sportelli di Intesa Sanpaolo hanno 450 posti liberi. Va avanti la campagna di inserimento giovani dell’istituto di credito, già avviata all’inizio del 2009, per coprire gli ultimi posti rimasti vacanti con assunzioni che proseguiranno anche nel corso del 2010.
Le posizioni sono riservate a laureati e diplomati, con contratto di apprendistato quadriennale o con contratti di inserimento della durata di un anno e mezzo. Il settore è quello commerciale e del rapporto con il pubblico, le sedi di lavoro riguardano tutte le filiali italiane, dal Lazio all’Umbria, dall’Abruzzo alla Campania (il gruppo ha tra le sue insegne anche il Banco di Napoli) per passare a tutte la altre regioni italiane.
Ma ecco, nel dettaglio, i requisiti indicati dal colosso bancario: i laureati devono possedere il titolo di primo o secondo livello in Economia, Giurisprudenza, Fisica, Agraria, Lingue e Letterature straniere, Matematica, Ingegneria, Sociologia, Scienze politiche, Scienze dell’educazione e della formazione, Scienze internazionali e diplomatiche, Scienze dell’informazione o Scienze statistiche. Per i diplomati le qualifiche necessarie sono quelle di perito agrario o aziendale, ragioneria, perito informatico, il diploma scientifico, classico, linguistico o socio-psico-pedagogico.
Per tutti, poi, è essenziale non avere più di 29 anni. Per partecipare alla selezione occorre compilare il format al sito www.bancaintesa.it, sezione “lavora con noi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nascita di XgLab, spin off del Politecnico di Milano

Next Article

Editoriale globale sul clima

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.