Nascita di XgLab, spin off del Politecnico di Milano

xglab.jpgNasce XgLab, la nuova spin off del Politecnico di Milano, specializzata in progettazione e realizzazione di avanzati sistemi di rivelazione della radiazione ionizzante e di tutta l’elettronica a associata a questi settori.
Definire la composizione dei materiali, valutare dall’analisi del campione biologico se un paziente è sano o malato, trovare tracce di materiali tossici nel riciclaggio o elementi radioattivi nell’ambiente, smascherare un quadro falso, sono gli obiettivi che si possono raggiungere con le tecnologie sviluppate da XgLab.
La nuova spin off, isviluppa hardware e servizi centrati sulla progettazione o co-progettazione ‘custom’ di sistemi completi di misura per molteplici applicazioni come, ad esempio, biomedicina, imaging diagnostico, biologia cellulare, monitoraggio ambientale, studio e conservazione del patrimonio artistico e culturale con analisi preliminari di restauro o verifiche di autenticità, pubblica sicurezza per anti-terrorismo e impianti nucleari, ricerca nel campo della fisica e dell’astronomia per i settori della fisica atomica e nucleare e le missioni spaziali.
XgLab nasce per rispondere a una crescente domanda a livello internazionale di sistemi di rivelazione sempre più sofisticati, rivolgendosi a grandi e piccoli produttori di apparati di misura e a enti di ricerca. La spin off inoltre si avvale come partner industriale di Gnr, azienda ai primissimi posti al mondo nel campo della strumentazione analitica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dossier di Legambiente proteggiamo la scuola

Next Article

Banca Intesa assume 450 diplomati e laureati

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.