Bambino sputa alla maestra, lei risponde con la stessa moneta

bambino sputa alla maestra

Il bambino sputa alla maestra, lei risponde con la stessa moneta. L’increscioso episodio sarebbe successo in provincia di Vicenza, ad Isola Vicentina, nella scuola elementare “Andrea Palladio”, della frazione Castelnovo.

Un bambino di circa nove anni avrebbe avuto un alterco con la sua insegnante in seguito ad un rimprovero. La sciocca reazione dello studente sarebbe stata quella di sputare alla maestra che, di tutta risposta, avrebbe sputato di rimando verso il bambino invitando anche il resto della classe a fare altrettanto.

A scatenare l’attimo di follia della docente potrebbe essere stata l’esasperazione nei confronti di un bambino che i giornali locali definiscono come “problematico”.

La madre del ragazzo ha esposto immediatamente denuncia agli organi competenti che ora stanno verificando i fatti. La maestra, una 58 enne, potrebbe essere incriminata per abuso di mezzi di correzione.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istat - Tasso di disoccupazione giovanile da record: a ottobre il 41,2% dei giovani non ha lavoro

Next Article

Sabato 30 novembre torna "Una notte al museo"

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.