Bambini iperattivi se esposti allo smog

Schermata 2013-05-21 a 16.35.31

Bambini iperattivi se esposti allo smog. Una nuova ricerca condotta dall’Universita’ di Cincinnati (UC) e dal Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, ha dimostrato che l’esposizione precoce all’inquinamento atmosferico legato al traffico, e’ associato all’iperattivita’ negli stessi individui all’eta’ di sette anni.

L’equipe di ricerca ha raccolto dati sull’inquinamento atmosferico correlato al traffico (TRAP) in uno studio epidemiologico a lungo termine – pubblicato su Environmental Health Perspectives- per esaminare gli effetti delle particelle inquinanti sulla salute respiratoria infantile e lo sviluppo delle allergie.I bambini sono stati seguiti dall’infanzia all’eta’ di 7 anni, momento in cui i genitori hanno completato il sistema di valutazione comportamentale, valutando deficit di attenzione ed iperattivita’ (ADHD) e i sintomi correlati, tra cui problemi di attenzione, aggressivita’, problemi di condotta e comportamento atipico.

I risultati hanno mostrato che i bambini che sono stati esposti allo smog (piu’ alto numero di TRAP) durante il primo anno di vita, hanno riscontrato punteggi piu’ alti di iperattivita’ all’eta’ di 7 anni. ”L’associazione osservata tra l’inquinamento atmosferico connesso al traffico e l’iperattivita’ potrebbe avere implicazioni di vasta portata per la salute pubblica, – ha commentato Nicholas Newman, autore dello studio.- Lo smog e’ uno dei tanti fattori associati con i cambiamenti nello sviluppo neurologico, ma e’ anche uno potenzialmente prevenibile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU, caos a Perugia: elezioni sospese!

Next Article

Smart Cities, il Miur stanzia 19 milioni per lo sviluppo territoriale

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.