Azzolina: "La scuola riparte a settembre con otre 50mila assunzioni"

Oltre 50mila posti in più fra docenti e personale Ata, con una priorità per la scuola dell’infanzia e la primaria. E’ quanto prevede l’ordinanza firmata dal ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina. “Grazie a questo incremento di organico potremo finalmente superare quelle norme che hanno portato al sovraffollamento delle classi. Con il decreto Rilancio abbiamo infatti previsto la possibilità di ridurre progressivamente il numero di alunni per classe“.

“Dopo aver ultimato tutti i passaggi istituzionali e con le forze sociali – ha spiegato Azzolina – ho firmato l’ordinanza che stabilisce i criteri di ripartizione delle risorse per l’organico aggiuntivo previste dal decreto Rilancio. Si tratta di oltre 977 milioni che saranno assegnati per il 50% sulla base del numero degli alunni presenti sul territorio e per il 50% sulla base delle richieste avanzate dagli Uffici scolastici regionali che hanno fatto la rilevazione delle esigenze delle scuole”.

Il ministro ha poi aggiunto che “gli stessi criteri previsti dall’ordinanza di oggi saranno utilizzati per ripartire anche le altre risorse per l’organico che deriveranno dallo scostamento di bilancio che prevede 1,3 miliardi per la scuola. Una parte di queste sarà, infatti, dedicata a un ulteriore incremento di personale. Nel decreto legge di agosto saranno inoltre previste apposite risorse, per gli Enti locali, per l’affitto degli spazi aggiuntivi e il pagamento delle relative utenze”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Protocollo sicurezza per la ripartenza: domani l'incontro per la firma

Next Article

Lo Stato Sociale, Lodo Guenzi: “Il talento si vede nel momento in cui uno è molto vicino a sé stesso, questo lo rende unico...”

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.