Australia, raddoppia il numero degli universitari che la scelgono

Schermata 2013-01-24 a 10.40.34

L’Australia continua ad attirare a sé un numero sempre crescente di studenti: dal 2000, infatti, il numero degli stranieri nelle università è raddoppiato (l’Ocse calcola almeno il 7% di studenti internazionali).

Offrendo un’ampia gamma di insegnamenti di qualità, oltre che un invidiabile patrimonio naturalistico, le sue università rientrano nella più importante classifica delle cento più prestigiose al mondo (secondo il QS World University Rankings): 26esimo posto per l’Australian National University, 31esimo per quella di Melbourne e 38esimo per Sydney.

L’economia vanta un ventennio di crescita e il tasso di disoccupazione non supera il 5% e per questo attira migranti di tutte le età e provenienza. La multietnicità degli aussie (gli australiani) conta asiatici (i più numerosi), americani, africani oltre che europei (specialmente francesi).

Già lo scorso anno si contavano 1.900 studenti francesi iscritti in una università australiana e 2.800 in un centro per l’apprendimento dell’inglese o di formazione professionale. Tra il 2005 e il 2010 il loro numero è più che raddoppiato.

Le specialità più ambite sono quelle delle Scienze sociali e Management mentre i centri di ricerca si  aprono in particolare ai dottorandi nelle discipline scientifiche.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Elezioni, sarà il Parlamento più giovane della storia

Next Article

Il Miur potenzia la rete, proseguono le iscrizioni on line per gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.