Attacchi hacker in cambio di videogames: dodicenne a giudizio

hacker

 

Hacker adolescente – Il ragazzo era stato assoldato dal gruppo di hacker Anonymous. Assalti virtuali ai siti web del governo cileno, della polizia e di un Istituto di Sanità per un danno che ammonta a 60 mila dollari.

 

Cosa si nasconde dietro un attacco hacker? Motivazioni politiche? O semplice attrazione per le sfide impossibili? A volte niente di tutto ciò, solo tanta voglia di avere un nuovo videogame. È quanto successo in Canada, nel Quebec, dove un ragazzo di 12 anni è stato arrestato per aver attaccato i siti web di enti governativi e quelli della polizia locale.

Secondo il Toronto Sun, l’adolescente sarebbe stato assoldato dal gruppo di hacker chiamato “Anonymous”, responsabile di molti episodi di pirateria informatica in tutto il mondo, che avrebbe promesso di ripagare i suoi sforzi fornendogli diversi videogame, anche quelli, probabilmente, bottini di reati informatici.

Un movente che potrebbe far sorridere i più esperti hacker, ma che, invece, ha funzionato benissimo col giovane pirata: in pochi mesi, infatti, il ragazzo ha attaccato il sito della polizia di Montreal, il Quebec Institute Public Health e il sito del governo cileno. e non si è fermato lì: è stato in grado di modificare le pagine e di individuare le falle di sicurezza attraverso le quali generalmente vengono rubati documenti riservati per un danno complessivo che sfiora i 60 mila dollari.

Ma la giustizia canadese non intende fare sconti all’adolescente che dovrà comparire a giudizio a settimana prossima. Intanto nell’udienza preliminare l’avvocato del giovane hacker ha affermato “Vedeva la cosa come una sfida, ha solo 12 anni. Non ha intenti politici”. Starà ora al giudice capire quale pena comminare al ragazzo, magari ripetendo quanto accaduto nel 2000, quando un altro giovanissimo hacker, responsabile di attacchi che costarono al Canada 1,7 miliardi dollari, venne prima condannato a un periodo di reclusione in carcere giovanile per poi ricevere diverse offerte di lavoro da agenzie che si occupa di sicurezza informatica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Orientasud, si parte. Interviene il ministro Giovannini

Next Article

"L'Ogm è il futuro. Le paure si battono con la conoscenza"

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.