Artistic Mind Production: casting cantanti e attori per Musical

Siete cantanti o attori talentuosi? Artistic Mind Production è alla ricerca di artisti per lo spettacolo ‘Christmas Carol il Musical’.  E’ possibile prenotare l’audizione per i casting fino al 4 agosto 2019.
Christmas Carol il Musical‘ è lo spettacolo d’esordio di Artist Mind nato nel 2012 e tratto dall’omonimo romanzo di Charles Dickens. E’ stato proposto ad un pubblico di giovani e di adulti, nelle scuole primarie e secondarie, ma anche in matinée e spettacoli serali.
Per replicare il successo passato si ricercano attori e cantanti per il nuovo cast. L’inizio delle prove è previsto per il mese di settembre 2019, mentre repliche dello spettacolo si distribuiranno nei mesi di novembre e dicembre 2019. Si precisa che è prevista retribuzione per i membri del cast.
Le audizioni di Artistic Mind Production sono rivolte ad attori e cantanti tra il 18 e i 35 anni. La ricerca degli artisti è attiva nelle zone di Taranto, Bari e Lecce.
Durante i casting i candidati saranno sottoposti alle seguenti prove:

  • prova canora: è necessario presentare un brano a scelta in lingua italiana (preferibilmente di estrazione Musical);
  • prova di recitazione: si deve presentare un breve monologo teatrale di propria scelta.

I provini si svolgeranno in data da definirsi, a ciascun candidato sarà quindi successivamente indicata la data dell’audizione.
Artistic Mind Production nasce come associazione a Taviano (Lecce) nel 2012 con l’obiettivo di promuovere e valorizzare la cultura del musical tramite la realizzazione di spettacoli musicali originali. Attualmente produce eventi e spettacoli di rilievo sul territorio e nel panorama culturale pugliese.
Per prenotare l’audizione è necessario inviare entro 4 Agosto 2019 una mail all’indirizzo [email protected] aggiungendo i dati principali e di contatto, un curriculum artistico e una foto di presentazione a figura intera.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tim: 500 posti di lavoro entro 2020 con Contratto Espansione

Next Article

Vaccini: mancato l’obiettivo su morbillo e poliomielite

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.