App anti-assembramenti creata da studenti Taranto

Tanti ragazzi in piazza Duomo all’inseguimento del sosia di Sfera Ebbasta a Milano, 24 ottobre 2020.ANSA/Mourad Balti Touati

Progetto #LinkYourFuture in collaborazione con Elis, vince sfida Linkem

Si chiama “Ragazzi di strada” l’app sviluppata da alcuni studenti di una scuola media superiore di Taranto, che ha vinto il progetto #LinkYourFuture promosso da Linkem in collaborazione con Elis. L’app, che sarà davvero realizzata da Linkem, consente di controllare l’affluenza dei punti di ristoro per una corretta gestione degli affollamenti, così da evitarli.

Permette, quindi, di conoscere in tempo reale la disponibilità ricettiva dei locali in qualsiasi posto essi si trovino attraverso un monitoraggio in real time. Nel caso in cui non ci dovessero essere posti a sedere liberi, c’è la possibilità di avere una tabella oraria dove, chi gestisce la pagine del locale, può indicare l’orario più opportuno nel quale presentarsi ed è inoltre dotata di un modulo per le prenotazioni online.

Il progetto di Linkem, operatore 5G leader della banda ultra-larga wireless, ha coinvolto due istituti superiori di Taranto, l’istituto Pacinotti-Fermi, e di Bari, l’istituto Marconi-Hack, per un totale di 35 studenti delle quarte classi i quai, suddivisi in team e supportati dai tecnici di Elis e Linkem, hanno sviluppato progetti innovativi.

“Siamo fieri di portare avanti il progetto #LinkYourFuture, soprattutto in un anno come questo in cui i ragazzi hanno dovuto rinunciare a molte abitudini ed esperienze quotidiane, anche in ambito scolastico, a causa della pandemia” ha dichiarato Grazia Paparella, Chief Culture Officer di Linkem.

ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per gli studenti didattica a distanza senza consumare giga

Next Article

Addio budge, arrivano i software per monitorare il tempo di lavoro (anche in DAD) per le istituzioni scolastiche

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.