Alle aziende italiane piace lo smart working: il 66% ha già deciso che lo terrà in vita anche nel 2022

Ricerca condotta da Randstad Professionals e l’Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli (Asag) dell’Università Cattolica. Più di 6 aziende su 10 che lo attivarano durante la pandemia ha già deciso di prolungare l’esperienza del lavoro a distanza anche per il prossimo anno.

Più delle metà delle aziende private che lo scorso anno ha attivato lo smart working a causa dell’emergenza sanitaria per la pandemia da Covid-19 continuerà a puntare sul lavoro agile a distanza anche in futuro. Con buona pace del ministro Renato Brunetta che contro il lavoro smart nella pubblica amministrazione ha deciso di portare avanti una vera e propria crociata.

Nel 2020, infatti, nelle prime fasi dell’emergenza sanitaria il 72% delle imprese ha introdotto o potenziato il lavoro a distanza per tutti o per una parte dei dipendenti e l’86% ha continuato nel 2021, con il 66% ha già dichiarato che proseguirà anche in futuro. A rivelarlo è l’Hr Trends & Salary Survey 2021, la ricerca condotta da Randstad Professionals – divisione specializzata nella ricerca e selezione di middle, senior e top management di Randstad, guidata da Maria Pia Sgualdino, Head of Randstad Professionals – con l’Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli (Asag) dell’Università Cattolica, che tra l’1 marzo e il 7 giugno 2021 ha intervistato 350 direttori risorse umane italiani sulle principali tendenze.


Insieme al lavoro, anche la leadership, a quanto emerge dalla ricerca, si esercita sempre più da remoto e necessita di nuove competenze dei manager. Oltre alla capacità di ascolto e all’empatia, caratteristiche condivise con i manager tradizionali e considerate fondamentali rispettivamente dal 26% e dal 23% dei direttori Hr, ai nuovi “remote leader” sono richieste capacità di comunicare efficacemente (24%) e di coinvolgere i collaboratori (19%), abilità di gestione e pianificazione (17%, +13% rispetto ai leader tradizionali), affidabilità e capacità di costruire legami di fiducia (12%, +7%) e attenzione alla misurazione dei risultati (11%, assente fra i leader tradizionali).

Total
3
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il ministro Messa: "Puntare su orientamento per contrastare gli abbandoni delle matricole"

Next Article

24 settembre, torna la Notte europea dei ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.