Alla Bocconi una cattedra dedicata a Giovanni Agnelli

Schermata 2013-04-19 a 15.15.15

Una cattedra intitolata a Giovanni Agnelli, nel decennale della sua morte. La Fondazione che porta il nome dell’Avvocato ha istituito presso la Bocconi una Associate professorship in Economics permanente, da assegnare a un giovane professore associato. L’accordo firmato questa mattina da John Elkann, vicepresidente della Fondazione Giovanni Agnelli, e Bruno Pavesi, consigliere delegato della Bocconi, prevede una donazione di due milioni di euro per finanziare, attraverso la costituzione di un fondo apposito, la Associate professorship, che per il primo quinquennio verra’ ricoperta da Chiara Fumagalli, professore associato di economia politica.

”Da tempo la Fondazione Giovanni Agnelli ha deciso di concentrare tutte le proprie risorse e attivita’ di ricerca sull’istruzione – dalla scuola dell’infanzia all’universita’ – perche’ e’ da essa che dipende il nostro futuro” ha detto Elkann dicendosi ”felice che la Fondazione e l’Universita’ Bocconi possano dare vita a un’iniziativa che valorizzera’ i migliori giovani talenti impegnati nella ricerca sull’economia applicata, come la professoressa Chiara Fumagalli”.

”Questo contributo – ha detto Andrea Sironi, rettore della Bocconi – aiuta l’universita’ a portare avanti la sua funzione di ascensore sociale, che gia’ svolge e che vuole rafforzare per far arrivare tutti quelli che hanno capacita’, indipendentemente dalle condizioni sociali di partenza”. Il sostegno della Fondazione Agnelli consentira’ alla professoressa Fumagalli di approfondire le sue ricerche sul funzionamento dei gruppi di imprese e dei mercati delle risorse finanziarie e del lavoro che si formano al loro interno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Informatica e acquisti... al naturale

Next Article

Lunedì a Roma conferenza Unimed sull'Erasmus

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".