Al via l'Alleanza europea per l'apprendistato: 140 mila tirocini per i giovani europei

Al via l’Alleanza l’europea per l’apprendistato. Da circa un mese è attivo in Europa un vero e proprio patto tra paesi, camere di commercio, associazioni di artigianato e grandi aziende per favorire la diffusione dell’apprendistato e per attivare circa 140 mila percorsi di inserimento e formazione nel lavoro in tutta la Ue.
Un’iniziativa nata per contrastare il fenomeno della disoccupazione giovanile. L’Italia è stato uno degli ultimi paesi ad aderire (lo scorso 22 giugno, insieme alla Repubblica Ceca): in tutto sono 26 i paesi che fanno parte dell’alleanza, cui hanno aderito, al momento circa 40 grandi imprese operanti in tutta europa, per un totale di 140 mila percorsi di apprendistato a disposizione dei giovani europei.
In particolare ecco alcune delle più interessanti opportunità messe in campo da diverse aziende europee:
Adecco: l’agenzia per il lavoro, entro il 2017 attiverà 5.000 percorsi di formazione sul lavoro presso le proprie aziende sul territorio o presso un’impresa partner;
AXA: la compagnia assicurativa impiegherà complessivamente 20.000 giovani entro il 2018. Di questi, 10.000 verranno inseriti con contratti a tempo indeterminato e 10.000 con contratti di apprendistato o tirocinio retribuito;
BMW: la casa automobilistica, ogni anno accoglierà circa 1.500 apprendisti da inserire in programmi di formazione professionale (la parte pratica da svolgere in Germania, quella di qualificazione in Spagna);
Safran: dai 2 ai 3 mila apprendisti l’anno. La società specializzata in alta tecnologia attiverà percorsi di apprendistato presso le imprese controllate e favorià programmi di mobilità internazionale;
– Capita: società di consulenza finanziaria aprirà le porte all’apprendistato di 500 giovani e si impegna a coinvolgere i partner privati per lo stesso numero di posti.
CSR Europe: la rete europea per la responsibilità sociale d’impresa coordinerà le aziende del proprio network per implementare percorsi di apprendistato e tirocinio; in questa maniera offrirà opportunità di formazione sul lavoro a 50 mila giovani europei entro la fine del 2017.
Per tutte le informazioni e le novità consultate il sito ufficiale della Commissione Europea.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torna Riot Village, il campeggio studentesco più grande d'Italia

Next Article

Enti di Ricerca, Giannini nomina il comitato di selezione

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.