Affitti chiari contro il mercato nero

bachecannunci.jpg“Non affidatevi al mercato nero ma rivolgetevi ad AgenziaUni, la neonata agenzia del Comune per la casa”. È questo, in sintesi, l’appello lanciato a tutti gli studenti in cerca di un alloggio a Milano dall’assessore comunale alla Casa Gianni Verga.
Quando ormai mancano poche settimane alla ripresa delle lezioni e molti atenei hanno già riaperto i battenti per gli esami di ammissione ai corsi universitari, Palazzo Marino rinnova l’invito a matricole e laureandi fuorisede ad approfittare dei servizi gratuiti dello sportello per la casa inaugurato lo scorso 15 luglio in piazzale Dateo e che gode del sostegno di tutti gli atenei milanesi.
«Dopo una breve pausa estiva – ha ricordato Verga – l’AgenziaUni ha riaperto lunedì 24 agosto, pronta per essere di aiuto agli studenti universitari, soprattutto i fuorisede, affinchè trovino una sistemazione. L’ufficio individua infatti, grazie ai proprietari privati, appartamenti e posti letto da segnalare agli studenti universitari».
Nelle due settimane di attività a luglio e nei pochi giorni dalla ripresa del lavoro l’Agenzia ha già fatto incontrare 150 proprietari con altrettanti studenti e ha già portato alla stipula di cinque contratti. «Con AgenziaUni – ha sottolineato l’assessore – si può contrastare il mercato nero degli affitti agli studenti. Inoltre, chi sceglie l’agenzia del Comune, troverà gratuitamente consulenza legale e fiscale».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Odontoiatria, test sotto inchiesta

Next Article

Sapienza/Gioventù, al via il Campus dei talenti

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".