Sapienza/Gioventù, al via il Campus dei talenti

campuspomezia.jpgHa aperto i battenti ieri a Pomezia, alle porte di Roma, il Global Village Campus, progetto di alta formazione e job placement promosso dal Ministero della Gioventù e dalla Sapienza Università di Roma – Centro di ricerca Impresapiens. Alla cerimonia, durante la quale è stato letto un messaggio di saluto e augurio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, hanno preso parte tra gli altri il rettore della Sapienza, Luigi Frati e il direttore del Centro Impresapiens, Fabrizio D’Ascenzo.
Il capo dello Stato ha espresso apprezzamento per l’iniziativa e ha sottolineato come «le attuali esigenze occupazionali richiedono un modello di istruzione universitaria in grado di assicurare un effettivo inserimento nel mondo del lavoro delle nuove generazioni».
«Abbiamo smentito ogni luogo comune sulla lentezza e il gigantismo della burocrazia universitaria e ministeriale – ha detto Frati nel suo intervento di saluto ai 120 superlaureati della prima settimana di campus – il progetto è partito appena qualche mese fa, ma abbiamo lavorato presto e bene per dare a voi ragazzi l’occasione di dimostrare la vostra preparazione e la vostra capacità davanti alle migliori aziende italiane».
«Non vi promettiamo un posto di lavoro, ma vi diamo un’occasione imperdibile per dimostrare quanto valete» ha chiosato D’Ascenzo. Il progetto Global Village Campus si sviluppa durante cinque settimane con l’obiettivo di far incontrare giovani neolaureati e mercato del lavoro: vi partecipano 600 ragazzi, 120 a settimana, selezionati dalle Università di tutto il territorio nazionale, che avranno l’occasione di entrare in contatto con le più importanti aziende italiane ed estere.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Affitti chiari contro il mercato nero

Next Article

Casa editrice cerca tirocinanti, a Roma

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".