Accordo Italia – Stati Uniti per progetti congiunti di ricerca scientifica nei prossimi due anni

Dalle nanotecnologie all’agroalimentare, dalla robotica all’ICT, passando per le scienze della vita. Cresce e si consolida la collaborazione scientifica tra Italia e Stati Uniti con la firma della nuova Dichiarazione congiunta sulla cooperazione scientifica e tecnologica per il biennio 2016-2017, che si è svolta ieri alla Farnesina. Nel pomeriggio, gli esperti dei due Paesi discuteranno di ricerca di base e innovazione all’ambasciata statunitense a Roma. Sono previsti interventi del ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca (Miur), Stefania Giannini, e dell’ambasciatore Usa in Italia, John Phillips.
Entrambi gli eventi si sono tenuti in occasione della dodicesima riunione della Commissione mista Italia-Stati Uniti. Nel corso della cerimonia di firma della Dichiarazione, il capo dell’Unità per la cooperazione scientifica della Farnesina Roberto Cantone e il vice capo missione dell’ambasciata americana, Kelly C. Degnan, hanno espresso soddisfazione per le collaborazioni in corso e approvato sette aree prioritarie per il biennio 2016-2017.
È stato inoltre ribadito l’impegno dei ricercatori dei due Paesi a cooperare nell’ambito di altrettanti gruppi di lavoro, uno per ogni area prioritaria, coinvolgendo le principali istituzioni scientifiche di Italia e Stati Uniti.
In occasione dell’incontro alla Farnesina, peraltro, il Miur e il Ddipartimento Usa dell’Energia (Doe) hanno siglato un’intesa tecnica di cooperazione nell’ambito della fisica e riguardante le attività di collaborazione svolte congiuntamente dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e dal Doe.
Nel corso della riunione sono stati inoltre annunciati 15 progetti scientifici che, selezionati in seguito a un bando pubblicato la scorsa estate, potranno accedere al co-finanziamento annuale da parte del ministero degli Esteri. Le proposte, selezionate tra le oltre 300 pervenute, vedranno studiosi italiani e statunitensi lavorare fianco a fianco su specifici progetti di ricerca: dalla diagnosi di particolari malattie rare alla progettazione di speciali sonde per la caratterizzazione dei materiali magnetici.
Nel corso del biennio 2014-2015, riferito alla precedente Dichiarazione congiunta, la Farnesina ha finanziato altrettanti progetti di ricerca, assegnando contributi complessivi per circa 650 mila euro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Classifica delle Università più internazionali al mondo: in Italia svettano gli atenei pisani

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 15 gennaio

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.