La rassegna stampa di venerdì 15 gennaio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Giornale di Sicilia – Concorso scuola, fissato il calendario – dopo mesi di incertezza, arriva una data precisa per la pubblicazione del bando che metterà a concorso 63 mila cattedre: stando a quanto dichiarato dal ministro Giannini, il 1° febbraio dovrebbe essere tutto pronto. La prova scritta si terrà a marzo, mentre quelle orali entro l’estate.
La Repubblica – Cinque in condotta e 4 mila euro da pagare per gli studenti occupanti – Pugno duro a Bologna per i ragazzi che nello scorso dicembre hanno occupato il liceo Fermi: oltre all’ammenda economica, infatti, gli studenti avranno il 5 in condotta al termine del primo quadrimestre, un risultato che, se portato alla fine dell’anno, porterà inevitabilmente alla bocciatura.
Corriere della Sera – Il grande esodo degli studenti all’estero – Grazie al progetto Erasmus+, sono migliaia i giovani che scelgono di svolgere parte della propria formazione all’estero. In particolare dal Lazio, la fuga sta assumendo proporzioni mai registrate prima.
La Stampa – Francia, valanga sugli studenti. Professore indagato per omicidio – Sotto indagine per omicidio colposo il professore che accompagnava la scolaresca travolta da una slavina mentre era in gita scolastica sulle Alpi francesi. Al momento della tragedia, i ragazzi si trovavano su una pista chiusa perchè troppo pericolosa.
L’espresso – Si è ristretto l’acceleratore – Presentato da un gruppo di studiosi del MIT di Boston, l’acceleratore di particelle più piccolo al mondo: appena un centimetro e mezzo di lunghezza (l’acceleratore del Cern di Ginevra misura ben 27 chilometri).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Accordo Italia - Stati Uniti per progetti congiunti di ricerca scientifica nei prossimi due anni

Next Article

FastUp School: fino a 10 mila euro per progetti digitali alle scuole che sfruttano il crowdfunding

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".