AAA cercasi escort. Annuncio shock dell’agenzia del lavoro federale tedesca

Schermata 2013-03-06 a 11.00.37

“Cercasi giovani donne, carine e attraenti, fra i 18 e i 40 anni per fare le dame di compagnia. Non avete esperienza nel settore? Nessun problema!”: è questo l’annuncio pubblicato per errore dall’agenzia del lavoro federale in Germania.

Resta ancora un mistero come non abbiano potuto rendersi conto della papera.

L’offerta era promettente: si offriva la prospettiva di “un compenso altamente remunerativo”,  e la garanzia di poter avere “avventure con importanti e seri uomini di affari, avvocati, medici, sportivi, manager, vip e clienti benestanti”.  Peccato che si stessero cercando delle escort.

A rendersi conto dell’errore, il giornale Bild. L’annuncio proveniva dal sito Escort.de.

“Generalmente viene verificata ogni offerta”, ha rassicurato Paul Ebsen, il portavoce dell’Agenzia. “Siamo mortificati e l’annuncio verrà rimosso”.
Esiste dunque un sistema di filtraggio degli annunci ma non è affatto infallibile.

Già un mese fa l’Agenzia era stata al centro di un altro scandalo: una diciannovenne aveva ricevuto una proposta di lavoro come barista in un club per nudisti.
La ragazza avrebbe dovuto essere consultata prima dalla persona che stava curando la sua collocazione, in realtà. Invece, aveva dovuto scoprire da sola di cosa si trattasse veramente.
AZ

Total
0
Shares
3 comments
Lascia un commento
Previous Article

Da oggi su google si impara l'arte grazie agli hangout con i musei

Next Article

Madre Teresa, uno studio getta ombra sull'operato della Santa

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".