A scuola come in azienda: a Milano, bisogna strisciare il badge per entrare in aula

Come i dipendenti di un azienda: da oggi gli studenti dello storico Liceo Parini di Milano dovranno “timbrare il cartellino” prima di entrare a scuola. Si tratta di un’innovazione tecnologica che dovrebbe ridurre i tempi per l’appello in classe e garantire così qualche minuto in più di lezione a docenti e ragazzi.
All’ingresso del Liceo Parini, da oggi, ci sono dei totem elettronici: gli studenti, prima di entrare in aula, strisciano il loro badge personalizzato che registra la presenza e l’ora d’entrata direttamente sul registro elettronico; chi ritarda di oltre 5 minuti è tenuto a portare la giustificazione il giorno successivo.
“Vogliamo eliminare la burocrazia delle nostre aule – spiega il preside, Giuseppe Soddu – i nostri ragazzi devono entrare in classe e fare lezione, punto. Ci siamo accorti che anche solo l’appello durava troppo”.
Un sistema innovativo che, però, fa comunque appoggio sulla componente umana per funzionare al meglio: sono i professori in classe, infatti, a controllare che al numero di studenti riportati sul registro elettronico corrispondano i ragazzi e le ragazze realmente presenti in aula, rendendo così la vita difficile ai “furbetti” che vorrebbero passare il proprio badge a un compagno marinando la scuola.
Non si sbilanciano, per ora, gli studenti: mentre alcuni denunciano un eccessivo controllo da parte della scuola, i rappresentanti d’istituto scelgono la via della prudenza e chiedono tempo per valutare l’effettivo impatto del nuovo appello.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 10 marzo

Next Article

Garanzia Giovani, cambia tutto: ecco i nuovi metodi di pagamento. Basterà?

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno