500 NO al Mibact: manifestazione nazionale a Roma

500 no al mibact

Domani, sabato 11 gennaio, è prevista una manifestazione nazionale a Roma per protesta contro il concorso “500 giovani per la cultura” indetto dal Ministero dei beni Artistici e Culturali. A scendere in piazza saranno associazioni di lavoratori, sindacati di settore, professionisti e studenti, tutti uniti per dire No al progetto che prevede l’attivazione di 500 tirocini di un anno per giovani laureati all’interno delle strutture del Mibac.

Diversi i motivi della manifestazione: sotto accusa la retribuzione prevista per i tirocinanti (5.000 euro lordi annui) che si traduce in circa 3,50 euro l’ora. Un vero insulto, secondo le sigle sindacali, a tutti coloro che hanno speso anni di studio (il bando, infatti, si rivolge esclusivamente a laureati). Ma fa discutere anche la modalità di collaborazione: un tirocinio annuale, ovvero un contratto a tempo determinato senza possibilità di assunzione e che non costituirà titolo preferenziale nel caso di un prossimo concorso pubblico.

A protestare, infine, saranno anche i lavoratori over 35 che sono rimasti esclusi dal bando (aperto ai laureati di età compresa tra i 24 e i 35 anni) e che non potranno beneficiare di eventuali modifiche tese a favorire l’immissione in ruolo dei tirocinanti.

Appuntamento alle ore 10.30 n Piazza della Rotonda (Pantheon), professionisti dei beni culturali, studenti, docenti e associazioni uniti per dire “500 NO al MiBACt. Dignità al lavoro”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ancora un successo per Renzo Piano: costruirà a Parigi il Campus dell'Ecole di Cachan

Next Article

Sospese le assunzioni di 27 mila docenti di sostegno previste dal decreto scuola

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".