146 giovani umbri in Europa per tirocini retribuiti

Schermata 2013-02-22 a 12.12.15

Da marzo, al via 146 tirocini retribuiti in Europa per giovani umbri in diversi ambiti professionali.
Organizzazione di eventi, insegnamento, marketing, turismo, e non solo.

Tirocini anche nel settore giuridico, ingegneristico e archivistico. Destinatari dell’offerta, giovani di età compresa tra i 18 e i 32 anni. Si parte per la Spagna, la Francia, il Belgio, il Portogallo e altre destinazioni europee.

Si tratta del programma Eurodyssée, promosso dall’Agenzia Umbria ricerche, che consente ai giovani residenti in Umbria di avviare un tirocinio in uno dei 34 Paesi europei.
Il tirocinio potrà durare dai 3 ai 6 mesi.

Per favorire l’ingresso nel Paese ospitante, le regioni organizzeranno un corso di lingua per coloro che verranno selezionati.

Per accedere al programma, conoscere le regioni partecipanti e le offerte di stage, basterà cliccare sul sito www.eurodyssee.eu e compilare il profilo, inserendo i dati e le informazioni richieste.
Per info, chiamare lo 075-5045820/5811 o scrivere a [email protected]agenziaumbriaricerche.it

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pastori, banditori, ombrellai: contro la crisi tornano gli antichi mestieri

Next Article

La natura stimola la creatività

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.