YIF, l'importanza di andare "fuori"

mondo.JPGCompiere un percorso di studi lineare è importante e auspicabile: prendere buoni voti, stare nei tempi e seguire attentamente le lezioni è fondamentale per creare il proprio background. Ma per fare un salto di qualità, “differenziarsi” dagli altri e rendere il proprio curriculum più interessante è importante andare all’estero e fare un’esperienza di vita: formativa sia sul piano culturale che su quello umano. Dal convegno “Non solo Erasmus: viaggiare per imparare fuori dai percorsi tradizionali”, organizzato nell’ambito dello Young International Forum – in corso allo Spazio Etoile di Roma, sono emersi tanti spunti di riflessione per approfondire il tema.
Dalle vacanze studio al gap year: come valorizzare i soggiorni all’estero per imparare una lingua, lavorare nel non profit, organizzare un intero anno in un altro paese prima della laurea specialistica, come fanno gli inglesi e gli americani. Tante le indicazioni degli esperti sulle opportunità di formazione internazionale “fuori dai sentieri battuti”.
I relatori intervenuti alla tavola rotonda, tra cui Emanuele Mangiacotti – responsabile Selezione Formazione Sviluppo di Wind – e Massimo Scaccabarozzi – amministratore delegato della Janssen-Cilag Italia, hanno concordato sul valore strategico di un’esperienza fuori dai confini nazionali, fondamentale per forgiare il proprio carattere e lavorare su se stessi per affrontare al meglio le sfide della vita.
E sull’importanza di puntare sul proprio “saper essere” e sviluppare il proprio spirito imprenditoriale – diventando giorno dopo giorno “manager di se stessi” – in una dimensione internazionale, un messaggio è arrivato anche dal ministro della Gioventù Giorgia Meloni che – a margine di un convegno dell’Unione Industriali e delle imprese di Roma – ha comunicato i progetti del suo dicastero in cantiere per i giovani: «Stiamo perciò lavorando per promuovere, soprattutto tra gli studenti universitari, la cultura d’impresa e dare ai ragazzi anche gli strumenti per scommettere su se stessi. Mai come in momenti di crisi, il coraggio e la creatività dei giovani possono fare la differenza, e mai come in questo momento siamo consapevoli del fatto che quante più persone saranno in grado di farsi il posto fisso da sé, tanto meglio sarà per l’Italia e l’Europa».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

YIF, Enrico Letta sprona i giovani

Next Article

Atenei uniti per diffondere l'italiano

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".