YIF, Enrico Letta sprona i giovani

enricoletta.jpg“La politica ha bisogno di riprendere dignità perché oggi è diventata una cosa disonorevole. E voi avrete il compito di restituirle il suo ruolo”. Con queste parole Enrico Letta, parlamentare Pd, si è rivolto ai giovani durante lo Young International Forum, la kermesse organizzata dal Corriere dell’Università e dall’Acsig, che si sta svolgendo allo Spazio Etoile a Roma e continuerà fino a venerdì 15 maggio.
Nell’incontro del Political Road Show, dal titolo “Quali politiche per i giovani”, moderato dal giornalista Paolo Messa, l’onorevole ha risposto alle domande dei rappresentanti di alcune associazioni giovanili. Letta ha raccontato la sua esperienza personale di approccio al mondo politico fino al primo incarico importante, da ministro, ricevuto a soli 32 anni. “Non voglio farvi la paternale – ha detto l’ex ministro rivolgendosi alla platea di ragazzi – ma voglio ricordarvi di non trascurare lo studio, perché ad un certo punto della vostra vita vi capiterà di accorgervi che avete delle lacune culturali e dareste chissà cosa per averle colmate nel periodo degli studi”.
“Oggi nella politica – ha continuato il parlamentare del Pd – non c’è un formulario standard da seguire, non c’è nulla di stabilito, anzi il campo è piuttosto raso, quindi per i giovani che hanno desiderio di tentare questa strada ci sono molte più opportunità di prima. Con la Rete, ad esempio – ha proseguito l’onorevole – avete infinite possibilità di iniziare il vostro percorso”.
Nel pomeriggio Mtv, il network televisivo più popolare tra gli under 30, ha presentato le proposte di legge di iniziativa popolare formulate dai ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa “Tocca a noi”. A seguire le testimonianza di due giovani artisti, Alessandro Roja (“il dandi” nella serie tv “Romanzo Criminale”) e Pietro Ragusa, con il seminario “Come si diventa attori”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

YIF, De Masi: "Giovani laureati, i più sfruttati"

Next Article

YIF, l'importanza di andare "fuori"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).