YIF 2022, giovani italiani sognano l’estero. Berriola: “Transizione digitale a buon punto per le nuove generazioni”

Si chiude a Roma la tre giorni di lavori dello Young International Forum. Decine di migliaia i ragazzi collegati da tutta Italia che hanno partecipato alla versione digitale del Salone dei Giovani. Oltre 160 le città che si sono collegate nelle giornate di evento.

I giovani italiani hanno lo sguardo volto all’estero. Nei tre giorni del Salone dei Giovani sono state oltre 26 mila gli ingressi nella piattaforma dello Young International Forum. Letteralmente prese d’assalto le università straniere e le attività in diretta live streaming e on demand, relative alle opportunità di scambio, studio e lavoro all’estero. America, Giappone e Germania in testa. Centinaia le domande arrivate alla piattaforma digitale durante le presentazioni del German Academic Exchange Service (DAAD), durante i colloqui con l’ente tedesco per gli scambi culturali, del programma Fulbright per studiare negli Stati Uniti e delle possibilità di studiare e lavorare in Giappone. Cresce sempre di più l’interesse per i lavori che già oggi sono richiesti nel campo del digitale e di internet, come web analytics, business analytics, online content, social media marketing, strategic planning, reputation manager.

Medicina, Ingegneria ed Economia i corsi di laurea più seguiti

Nell’ambito delle attività di informazione ed orientamento sono state presentate dai docenti di “Italian Education”, tutte le aree di studio. Maggiormente gettonate quelle di Medicina, Ingegneria ed Economia. “Come sono strutturati i corsi? Quale livello linguistico certificato bisogna avere? Quali sono e come si può accedere alle borse di studio? Quali gli sbocchi lavorativi?”. Queste le domande più frequenti delle future matricole. Seguitissima la sessione relativa al nuovo test di ingresso della facoltà di Medicina, con le novità normative che andranno in vigore nel 2023.

Lavoro e soft skills. Come fare la scelta giusta

Molti i dubbi su come scrivere un curriculum vitae e come tenere un colloquio di lavoro: “Qual è la differenza con la lettera di presentazione? Cosa mi chiederà il selezionatore? Come mi devo vestire?” Sono solo alcune delle tante domande poste ai relatori durante i seminari tenuti sul canale live streaming del Salone. Il tema del cv, del colloquio di lavoro e delle competenze, in particolare quelle trasversali, è stato affrontato dai tutor di Italia Education: “Le soft skills oggi fanno davvero la differenza rispetto alle hard skills tecniche, che tendono ad essere velocemente obsolete. Oggi empatia, curiosità e teaming in particolare non potranno mai essere sostituite da una macchina – afferma Maria Diaco di Italia Education -. Voglio suggerire ai ragazzi che cercano lavoro di considerare che i loro profili saranno sempre più letti da una macchina, un algoritmo; sarà dunque opportuno valutare l’inserimento di parole chiave per non essere esclusi dalla selezione”.

“La partecipazione di tanti giovani in questa edizione dello “Young International Forum” ci conferma che la transizione digitale è a buon punto, almeno quando parliamo di nuove generazioni – ha dichiarato Mariano Berriola direttore del Corriere dell’Università e promotore dello Young International Forum -. Ivantaggi che abbiamo osservato, nei tre giorni del Salone, non sono solo legati alla sostenibilità del progetto, ma anche alla qualità del lavoro svolto. Il numero raggiunto di domande e di interazioni, in questa edizione è infatti, largamente superiore a quello delle precedenti, a dimostrazione che i ragazzi sono a loro agio quando devono lavorare in modalità digitale”, ha concluso Berriola.

L’appuntamento con Italia Education si sposterà da Roma a Napoli con l’appuntamento per Orientasud , il Salone delle Opportunità, che si svolgerà dal  26 al 28 ottobre 2022 sempre in modalità digitale.

Leggi anche:

Total
7
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Invalsi, pubblicate le date delle prove 2023: i maturandi cominciano a marzo

Next Article

Iran, proteste arrivate alla quarta settimana: studenti arrestati a scuola

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".