Iran, proteste arrivate alla quarta settimana: studenti arrestati a scuola

Gli studenti stavano protestando contro l’uccisione della 22enne Mahsa Amini. Secondo Iran Human Rights sono 19 bambini uccisi dalla polizia durante gli scontri.
Women chant slogans and hold up signs depicting the image of 22-year-old Mahsa Amini, who died while in the custody of Iranian authorities, during a demonstration denouncing her death by Iraqi and Iranian Kurds outside the UN offices in Arbil, the capital of Iraq’s autonomous Kurdistan region, on September 24, 2022. – Angry demonstrators have taken to the streets of major cities across Iran, including the capital Tehran, for eight straight nights since the death of 22-year-old Mahsa Amini. The Kurdish woman was pronounced dead after spending three days in a coma following her arrest by Iran’s feared morality police for wearing the hijab headscarf in an “improper” way. (Photo by SAFIN HAMED / AFP)

La repressione di Teheran non indietreggia: oggi sono stati arrestati degi studenti in una scuola, protestavano contro l’uccisione di Mahsa Amini, la 22enne curda deceduta dopo il suo arresto per non aver indossato correttamente il velo. La denuncia è arrivata dai resoconti pubblicati sui social media che hanno parlato di agenti giunti a bordo di furgoni senza targa. Il regime ha poi proseguito il suo giro di vite chiudendo tutte le scuole e gli istituti di istruzione superiore nel Kurdistan iraniano. Un atto dimostrativo a poche ore dall’azione condotta da un gruppo di sostegno alle proteste, che è riuscito a violare un canale televisivo di stato trasmettendo un’immagine del leader supremo Ali Khamenei circondato dalle fiamme.

I numeri della repressione

Un colpo, almeno simbolico, sferrato al cuore del regime da parte dei manifestanti, le cui azioni di protesta sono entrate nella quarta settimana. Una sfida a volto scoperto alla sanguinosa macchina repressiva della teocrazia, con un altissimo costo in vite umane. L’Ong Iran Human Rights (Ihr) con sede a Oslo ha infatti contato almeno 185 morti, tra cui 19 bambini, mentre secondo l’ultimo rapporto iraniano diffuso a fine settembre sono 60 le persone uccise, tra cui almeno 14 agenti di polizia. Le ultime due vittime in ordine di tempo sarebbero un membro della milizia paramilitare Basij e un membro delle Guardie rivoluzionarie ucciso durante le proteste a Sanandaj, la capitale della provincia del Kurdistan da cui proveniva Amini.

“Il sangue dei nostri giovani sgocciola dalle vostre dita”, recitava il messaggio apparso sullo schermo durante il telegiornale di ieri sera della tv di Stato. Il messaggio era accompagnato da una foto manipolata di Khamenei con il corpo circondato dalle fiamme e la testa al centro di un mirino. L’attacco informatico, durato pochi secondi, è stato rivendicato da un gruppo che si fa chiamare Edalat-e Ali (La Giustizia di Ali) e che sostiene il movimento di protesta, il più esteso in Iran dopo le proteste contro l’aumento del prezzo della benzina nel 2019.

Il caso del falso referto medico

Amjad Amini, il padre della 22enne, intanto non si dà pace. In un’intervista a Iran International, un canale televisivo in lingua persiana con sede a Londra, ha respinto il referto medico ufficiale affermando che la figlia era in perfetta salute prima dell’arresto. “Ho visto con i miei occhi che il sangue le era sgorgato dalle orecchie e dal collo”, ha raccontato alla tv. Secondo attivisti e Ong, Mahsa ha subito un trauma cranico durante la detenzione.

Venerdì le autorità avevano annunciato che la ragazza era morta di malattia e non per le percosse. “Se voglio dire qualcosa, o criticare, vorrei farlo qui in Iran dove intendo vivere”, ha detto invece il musicista Shervin Hajipour, che oggi ha parlato per la prima volta dopo essere stato scarcerato. Arrestato per aver pubblicato una canzone a sostegno delle proteste, il cantante, 25 anni, aveva composto il brano chiamato “Baraye” (‘Per’ in persiano) che ha raggiunto quasi 40 milioni di visualizzazioni prima di essere cancellato quando il musicista è stato fermato. Il componimento è così diventato una sorta di colonna sonora delle manifestazioni e sui social media molti dimostranti hanno pubblicato dei video dove lo intonavano.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

YIF 2022, giovani italiani sognano l'estero. Berriola: “Transizione digitale a buon punto per le nuove generazioni”

Next Article

Torino, adesivi omotransfobici firmati Fuan in ateneo: "Tieni pulita la tua università"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".