Invalsi, pubblicate le date delle prove 2023: i maturandi cominciano a marzo

Via libera del Ministero dalle date per le prove di valutazione. Il calendario andrà da marzo a maggio. Le classi interessate sono la II e la V della primaria, la III della scuola media e le classi II e V delle superiori.

Sono state pubblicate le date delle Prove Invalsi 2023 che si svolgeranno da marzo a maggio 2023. Le classi interessate, come di consueto sono: le classi II e V della primaria (gradi 2 e 5), le classi III della Secondaria di primo grado (grado 8), le classi II e V della Secondaria di secondo grado (gradi 10 e 13). Tutti gli allievi sostengono una prova di Italiano e una di Matematica; quelli dei gradi 5, 8 e 13 svolgono anche una Prova di Inglese, suddivisa in Reading e Listening.

La modalità di somministrazione cambia a seconda del ciclo d’istruzione: nella scuola primaria le prove avvengono simultaneamente nello stesso giorno per ogni materia e alla stessa ora con la tradizionale modalità carta e matita.

La scuola secondaria, invece, utilizza la modalità Cbt e svolge le prove all’interno di un periodo di somministrazione fissato a livello nazionale. Questa finestra temporale può essere gestita autonomamente da ciascuna scuola, in funzione del numero degli allievi e del numero di computer disponibili. Le classi campione – cioè le classi scelte come rappresentative del sistema scolastico italiano e i cui risultati servono come riferimento – svolgono le prove in dei giorni specifici definiti a livello nazionale.  

Per chi deve affrontare le prove prima della maturità le date individuate sono mercoledì 1, giovedì 2, venerdì 3, lunedì 6 marzo 2023. In questa finestra la scuola sceglie tre giorni per svolgere le prove di Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto). Sessione ordinaria Classi NON Campione, prove di Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto): da mercoledì 1 marzo 2023 a venerdì 31 marzo 2023

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti in corteo a Milano: bruciate le foto di Giorgia Meloni e del premier Mario Draghi

Next Article

YIF 2022, giovani italiani sognano l'estero. Berriola: “Transizione digitale a buon punto per le nuove generazioni”

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.