Studenti in corteo a Milano: bruciate le foto di Giorgia Meloni e del premier Mario Draghi

E’ successo questa mattina in Piazza Duomo al termine della manifestazione per protestare contro l’alternanza scuola-lavoro.

Le foto di Giorgia Meloni e del premier Mario Draghi bruciate: è successo questa mattina a Milano durante il corteo degli studenti in piazza Duomo per protestare contro il nuovo esecutivo e contro l’alternanza scuola-lavoro. Tra i cori intonati dai ragazzi c’è: “Chi non salta la Meloni è”. Sui volantini del corteo le ragioni della mobilitazione: “Fascisti al governo; morti e sfruttamento in alternanza; repressione e carovita. Non stare a guardare: ribelliamoci!”. In altri manifesti, sotto la scritta ‘colpirne uno, colpirli tutti’, sono ritratti i volti di vari personaggi politici tra cui Matteo Salvini, Enrico Letta e il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Questa mattina gli studenti si erano dati appuntamento in Largo Cairoli, di fronte al Castello Sforzesco. Già dalla mattinata di ieri erano comparsi striscioni all’ingresso di diversi istituti milanesi tra cui Agnesi, Tenca, Tito Livio e Varalli, in vista della mobilitazione convocata dalla Rete Studenti Milano sotto lo slogan “Non è un paese per giovani”.

Lungo il percorso, terminato in Piazza Fontana, i ragazzi in corteo si sono seduti a terra e hanno osservato un minuto di silenzio per ricordare gli studenti rimasti uccisi durante le ore di alternanza, tra cui Giuseppe Lenoci, Lorenzo Parelli, e Giuliano De Seta, l’ultimo morto in provincia di Venezia.

LEGGI ANCHE:

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dario è il più giovane avvocato d'Italia: il padre voleva studiasse matematica. "Ma non sono un modello"

Next Article

Invalsi, pubblicate le date delle prove 2023: i maturandi cominciano a marzo

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".