Wound care: Master Interateneo

L’Università di Pisa, l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, e l’Università Politecnica delle Marche per il biennio accademico 2009/2011 hanno organizzato il Master Interuniversitario di I° livello in Wound Care, rivolto ai laureati in Scienze Mediche e, in particolare, a quelle Infermieristiche e Riabilitative. Direttore del corso, il prof. Paolo Barachini.

Il Master si propone di formare specialisti nel campo delle lesioni cutanee, dalla prevenzione alla scelta dell’intervento terapeutico, in una visione interprofessionale ed interdisciplinare, in virtù della cooperazione tra i diversi atenei.

La prevenzione e la cura delle lesioni cutanee incide fortemente sulla qualità assistenziale al paziente. L’educazione ai pazienti e ai familiari su comportamenti da adottare nel proprio ambiente, facilita la diffusione della conoscenza sulla valutazione e bisogni del paziente.

Secondo le Linee Guida della AHCPR (Agency of Health Care Policy and Research, 1992, 1994), la riduzione dell’incidenza delle Lesioni da Decubito (LdD) si ottiene attraverso la realizzazione di programmi educativi:“Si dovrebbero strutturare ed organizzare programmi educativi completi per la prevenzione delle LdD ed essi dovrebbero essere diretti a tutti gli operatori sanitari, ai pazienti ed ai loro familiari”.

Scadenza presentazione domande: 25 settembre 2009, ore 12.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Montalcini "l'Ebri non ha debiti"

Next Article

Italiani sedotti dall’imprenditoriaIl nuovo sogno made in Italy

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.