Wound care: Master Interateneo

L’Università di Pisa, l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, e l’Università Politecnica delle Marche per il biennio accademico 2009/2011 hanno organizzato il Master Interuniversitario di I° livello in Wound Care, rivolto ai laureati in Scienze Mediche e, in particolare, a quelle Infermieristiche e Riabilitative. Direttore del corso, il prof. Paolo Barachini.

Il Master si propone di formare specialisti nel campo delle lesioni cutanee, dalla prevenzione alla scelta dell’intervento terapeutico, in una visione interprofessionale ed interdisciplinare, in virtù della cooperazione tra i diversi atenei.

La prevenzione e la cura delle lesioni cutanee incide fortemente sulla qualità assistenziale al paziente. L’educazione ai pazienti e ai familiari su comportamenti da adottare nel proprio ambiente, facilita la diffusione della conoscenza sulla valutazione e bisogni del paziente.

Secondo le Linee Guida della AHCPR (Agency of Health Care Policy and Research, 1992, 1994), la riduzione dell’incidenza delle Lesioni da Decubito (LdD) si ottiene attraverso la realizzazione di programmi educativi:“Si dovrebbero strutturare ed organizzare programmi educativi completi per la prevenzione delle LdD ed essi dovrebbero essere diretti a tutti gli operatori sanitari, ai pazienti ed ai loro familiari”.

Scadenza presentazione domande: 25 settembre 2009, ore 12.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Montalcini "l'Ebri non ha debiti"

Next Article

Italiani sedotti dall’imprenditoriaIl nuovo sogno made in Italy

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.