Walt Disney lancia un concorso per gli studenti italiani

Schermata 2013-04-11 a 11.48.14

The Walt Disney Company Italia ha lanciato un concorso rivolto agli studenti delle università italiane per metterne alla prova la creatività e la capacità di lavorare in team.

L’ispirazione viene dal film  di prossima uscita “Monsters University”, che racconta gli esordi universitari del gruppo di spaventatori professionisti protagonisti di “Monsters and Co”.

Il concorso prevede la formazione di gruppi di lavoro composti da un minimo di 2 e un massimo di 5 componenti che dovranno realizzare  e presentare un piano di marketing per il lancio del film della Disney Pixar, in uscita in Italia il prossimo 21 agosto.

In palio per il gruppo vincitore, che dimostrerà di possedere la miglior conoscenza degli strumenti del marketing e riuscirà a sviluppare le idee più originali e creative, ci sono 5mila euro da dividere con i componenti del team e che potranno essere spesi per acquistare beni, prodotti o servizi presso l’Università frequentata, e un’esperienza a Milano presso la sede di The Walt Disney Company Italia per passare una giornata insieme alla divisione Theatrical Distribution & Marketing Walt Disney Studios Motion Pictures.

Durante quell’occasione ci sarà la possibilità di conoscere da vicino e interagire con l’azienda e in più i vincitori potranno presentare il proprio progetto a un team di professionisti del marketing e della comunicazione e effettuare un incontro conoscitivo con la direzione delle risorse umane.

Tutti i dettagli e il regolamento del concorso sono disponibili sul sito: https://concorsidisney.it/monsters-university-business-award/

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Si laurea negli Usa senza spostarsi dalla Bicocca

Next Article

Basta sensi di colpa, arriva il cioccolato che fa bene come la frutta

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.