Volontario in Turchia con Aiesec per ridurre la differenza di genere.

Con AIESEC la possibilità di prendere parte ad un progetto di volontariato permetterà di lavorare sull’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile inagenda 2030 dell’ONU

“Donne, ragazze e bambine devono avere uguali diritti e opportunità di lavoro. Devono poter esprimere le proprie idee e avere reali opportunità di partecipare alle decisioni nella famiglia, nella società e nell’economia. Bisogna garantire con leggi e azioni che le donne abbiano pari accesso alle risorse, alla ricchezza lasciata in eredità e alla terra. Ogni forma di violenza e ogni regola o pratica che possa danneggiare la loro salute fisica e mentale deve essere eliminata.” Queste sono le parole utilizzate dalle Nazioni Unite per spiegare cosa significa Gender Equality, l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n°5, contenuto nell’Agenda 2030 dell’ONU.
Il progetto AIESEC “Women in Power”, realizzato in collaborazione con ONGs e Università, ha lo scopo principale di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione delle donne in Turchia, luogo in cui il gap è ancora elevato e le donne vivono ancora in una situazione di forte discriminazione sia in termini di accesso alle risorse che di violenze.
Il progetto di volontariato avrà luogo dal 14 Gennaio al 26 Febbraio 2019, le principali attività che il volontario svolgerà sono:

  • condurre ricerche sulla Gender Equality in Turchia, collezionando dati e facendo interviste
  • pianificare e portare avanti attività per aumentare la consapevolezza sulla situazione delle donne
  • organizzare eventi per discutere di questa tematica e aumentare la sensibilizzazione della popolazione turca

Il processo di selezione consiste in una chat durante la quale il candidato potrà presentarsi e motivare la scelta del progetto. Il costo di partecipazione per il programma Global Volunteer è di 300 euro. L’alloggio e un pasto al giorno sono inclusi nella quota di partecipazione.
 
Scadenza candidature: 12 Gennaio 2019. Per candidarsi al progetto   visitare il sito aiesec.org. Per maggiori informazioni scrivere a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un bando di Roma capitale per raccogliere le idee imprenditoriali dei giovani.

Next Article

La salute si impara a scuola: MIUR e LILT rinnovano l’intesa

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.