Vincono 14 milioni al superenalotto: “Costruiremo una scuola per i terremotati”

vincita al supernalotto

Con i soldi della vincita una scuola per terremotati  La storia di una coppia di San Veneziano (BO). Lo stesso giorno lei era stata licenziata

Una coppia emiliana vince al superenalotto quasi 14 milioni di euro e decide di devolvere parte della somma per la ricostruzione di una scuola distrutta dal terremoto dell’anno scorso.

È la straordinaria storia di una famiglia di San Veneziano di Galliera, paesino di 1.400 abitanti al confine tra le provincie di Bologna e Ferrara, che lo scorso sabato si è scoperta improvvisamente milionaria.

Contattati dalla Sisal, la società che gestisce il concorso, hanno dichiarato di voler destinare parte della vincita, che escluse le tasse dovrebbe ammontare a poco più di 13 milioni di euro, alla costruzione di una nuova scuola media e di un asilo, dopo che le precedenti strutture sono state dichiarate inagibili a causa dei danni provocati dal sisma del 2012.

Nell’ultimo anno gli studenti di San Veneziano, compresi i figli della fortunata coppia, sono stati ospitati in container, mentre i vecchi edifici scolastici sono stati messi in sicurezza ma non abilitati all’utilizzo.

“Aiuteremo i familiari e gli amici più bisognosi – hanno dichiarato – poi faremo costruire la nuova scuola”. Una storia di generosità che colpisce ancora di più se si pensa che proprio il giorno della vincita, lei era stata licenziata a causa del protrarsi di una malattia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Servizio civile, da settembre bando per 15mila volontari

Next Article

Marijuana, in Uruguay diventa legale

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.